Archivio tag | mostro amstetten

Austria, Fritzl condannato all’ergastolo. Sarà internato

Austria, Fritzl condannato all’ergastolo. Sarà internato

Ergastolo per il padre mostro, la figlia: “Paghi fino alla morte”

Annunci

Il processo al “mostro di Amstetten”

ARTICOLI CORRELATI: Mostro Fritzl: al via il processo. Tutti gli articoli

Joseph Fritzl, l’uomo che ha sconvolto l’Austria

Il padre-mostro che ha sconvolto l’Austria sul banco degli imputati. Abusò della figlia per oltre vent’anni. Rischia l’ergastolo
ST.POELTEN
Si apre oggi sotto le telecamere della stampa internazionale il processo al padre incestuoso Joseph Fritzl. Difficilmente Amstetten, città di poco più di 23mila abitanti nel Land centro-settentrionale della Bassa Austria, si scrollerà di dosso l’onta dell’orribile caso di cronaca, che vede l’ingegnere austriaco 73enne sul banco degli imputati accusato di «omicidio, privazione di libertà, abusi e riduzione in schiavitù» per aver rinchiuso la figlia Elisabeth in un sotterraneo per 24 lunghi anni di abusi.

Con lei sono emersi dalle tenebre tre dei sette figli nati dal rapporto con il padre-mostro. Uno, Michael, è morto subito dopo la nascita e Fritzl ha provveduto a bruciare il corpicino nella stufa. Altri tre bimbi erano stati «adottati» dai nonni. Il circo mediatico è dispiegato anche a St.Poelten, capitale della Bassa Sassonia, 80 chilometri a ovest di Vienna, dove si svolge il processo, che durerà almeno 5 giorni. Il processo si svolgerà a porte chiuse e il verdetto è atteso per il 20 marzo. Continua a leggere

Austria/ Il padre-mostro Fritzk ha murato viva la madre lasciandola morire

Venerdí 31.10.2008 09:27
IL CASO ELISABETH

fritzl-e

Articoli correlati: Elisabeth e i 24 anni di prigionia. Ecco i verbali del racconto

La storia choc del padre mostro non è finita quando è stato arrestato per avere tenuto prigiorniera la figlia Elisabeth per 24 anni obbligandola a un rapporto incestuoso dal quale sono nati sette figli. Emergono, purtroppo, nuovi e agghiaccianti dettagli sulla tragedia di Amstetten: il 73enne austriaco Joseph Fritzl o, ma avrebbe rinchiuso anche la madre “murandola viva” e lasciandola morire.

Secondo la perizia psichiatrica, di cui il settimanale austriaco News e il quotidiano Oesterreich hanno ottenuto una copia, Fritzl sarebbe stato maltrattato da bambino dalla madre e successivamente, per vendetta, l’avrebbe chiusa in una stanza, murando le finestre. Continua a leggere

Fritzl nella cantina degli orrori scortato dalla polizia

Il 73enne torna nella cella segreta
Il mostro di Amstetten, Josef Fritzl, è tornato nella cella degli orrori. Scortato dagli agenti di custodia, su richiesta del suo legale, il 73enne è stato portato nella prigione sotterranea in cui ha stuprato e rinchiuso per 24 anni la figlia Elisabeth, da cui ha avuto anche sette nipoti. Agli agenti ha mostrato la cantina segreta, esaminando le serrature, e poi è stato riportato in carcere. Continua a leggere

Amstetten: i figli-nipoti di Fritzl non vogliono testimoniare.

Il Giustiziere degli Angeli

Austria, figli del ‘mostro’ Fritzl si rifiutano di testimoniare

La casa prigione costruita da Fritzl

Battuta d’arresto nell’istruzione del processo a carico di Joseph Fritzl, il 73enne austriaco accusato di aver violentato e segregato per 24 anni la figlia Elisabeth, dalla quale ha avuto altri sei figli.

I due figli maggiori di Elisabeth, Kerstin 19 anni e Stefan 18 anni, si sono rifiutati oggi di testimoniare contro il padre. La deposizione della madre si è conclusa ieri e alcune sue affermazioni possono essere confermate e avvalorate solo dalla testimonianza dei figli. In particolare quelle riguardanti la morte prematura di un altro figlio, verosimilmente tre giorni dopo la nascita, e che porterebbero all’incriminazione di Joseph Fritzl anche per omicidio, oltre che per stupro, abusi, e privazione della libertà altrui.

Secondo quanto scrive oggi il britannico Times, il portavoce della procura, Gerhard Sedlacek, ha dichiarato che “ancora non è stata fissata una data per l’interrogatorio dei figli adulti, ma sembra che i due intendano avvalersi della facoltà di non rispondere”.

I due ragazzi hanno vissuto la loro intera vita segregati nelbunker costruito da Joseph Fritzl sotto la sua abitazione ad Amstetten, in Austria, assieme al fratello minore di cinque anni, Felix. Altri tre figli, Lisa 15 ani, Monika 14 anni e Alexander 12 anni, vivevano invece nella casa con i “nonni”. Tutti sono tornati “alla luce” due mesi fa. Da allora hanno vissuto in una clinica dove sono stati sottoposti a trattamenti sanitari e psichiatrici, poi sono stati trasferiti in un appartamento in una località segreta.

 Rainews24

PADRE-MOSTRO: KERSTIN, FIGLIA-NIPOTE E’ USCITA DAL COMA

Kerstin, la maggiore dei figli-nipoti nati dalle violenze di Josef Fritzl sulla figlia Elisabeth, e’ uscita dal coma. Lo ha reso noto la radio pubblica austriaca (ORF). Era stato proprio l’ingresso della giovane in un ospedale di Amstetten -ricovero dovuto da una strana e grave malattia- a far venire alla luce, ad aprile, la raccapricciante vicenda di abusi sessuali e sequestro di persona. Josef Fritzl, un ingegnere elettronico 73enne, ha tenuto per 24 anni segregata la figlia in uno scantinato ricavato all’interno della sua abitazione e dai suoi continui abusi sulla donna sono nati sette figli (uno morto subito dopo la nascita). Kerstin, che ha 19 anni e che non e’ mai uscita all’aria aperta, potrebbe gia’ trovarsi nella clinica psichiatrica vicino ad Amstetten, dove gli specialisti stanno seguendo il ritorno alla vita dell’intero gruppo famigliare (insieme ai 5 ragazzi e alla madre, c’e’ anche la nonna Rosemarie). Per il momento non e’ trapelato nessun dettaglio sullo stato di salute della giovane, uscita dal coma farmacologico in cui era tenuta perche’ le sue condizioni si stabilizzassero. (AGI)
(10 giugno 2008 ore 08.21)