Archivio tag | don gelmini

Don Gelmini a Berlusconi, ti amo

(Immagine archivio)

(ANSA) – AMELIA (TERNI), 26 DIC – ”Io ti voglio bene e vorrei dirti ti amo’: cosi’ don Pierino Gelmini si e’ rivolto a Silvio Berlusconi. ”Qualcuno ti ha definito il diavolo – le parole del sacerdote -, ma di solito si riconoscono diavoli coloro che diavoli sono. Noi ti vogliamo bene”. Il fondatore della Comunita’ Incontro ha quindi rivolto a Berlusconi un nuovo incitamento, alzando la voce: ”non avere paura, tieni botta e vai avanti. Non arrenderti, per favore”.

Don Gelmini e la telefonata da Berlusconi

di Wildgreta

E’ da un po’ che non si sentiva parlare di Pierino Gelmini, non più “don” perchè sotto processo per presunti abusi sessuali su 50 ex ospiti delle sue comunità di recupero.Meno male che ci ha pensato il nostro premier a rinverdire la memoria su questo caso giudiziario, chiamandolo per gli auguri. Leggo che Berlusconi sarebbe stato l’unico a farsi vivo, ma nel servizio del tg rai si vedeva in prima fila Gasparri e, a meno che non fossero immagini di repertorio, ad Amelia, ieri c’era anche lui. Berlusconi ha promesso una valigia di soldi a Pierino Gelmini e ha parlato anche della terribile crisi che attanaglierà l’Italia nel 2009. La ricetta di Berlusconi per combatterla? Una bella legge sulla giustizia e le intercettazioni. Così anche casi come quelli dell’amico Pierino Gelmini, non verranno più alla luce e altre scuole, oltre a quella in Thailandia, potranno essere intitolate al Premier da uomini miracolati e dediti al prossimo come Gelmini.
27 dicembre 2008
Articoli correlati:

(Don) Gelmini: sotto processo, può contare su una valigia di denaro da Berlusconi con la benedizione del sindaco di Amelia

DON GELMINI: RICUSAZIONE RESPINTA

3 Dicembre 2008 21.06 – di Adriano Lorenzoni – Fonte: Terni in rete –

Udienza rinviata e ricorso in Cassazione

La Corte d’Appello di Perugia ha respinto la richiesta di ricusazione avanzata dai legali di don Pierino Gelmini nei confronti del giudice per le udienze preliminari , Pierluigi Panariello. Don Gelmini è accusato di molestie sessuali nei confronti di 10 giovani all’epoca in cui erano ospiti della Comunità Incontro di Amelia mentre i suoi più stretti collaboratori devono rispondere dell’accusa di favoreggiamento. L’udineza prevista per giovedi 4 dicembre che prevedeva l’incidente probatorio fra gli accusatori e il religioso è stata rinviata. Continua a leggere

Caso don Gelmini, il sacerdote: ”Sono innocente ma perdono i miei accusatori”

di Wildgreta

Sepolta da decine di agenzie sul ministro Gelmini, ho trovato questa su don Gelmini. Era da un po’ che non lo sentivamo parlare e ora, dopo tanto tempo, ci conforta sapere che si ritiene innocente ma perdona i suoi accusatori. Bisogna vedere se i suoi accusatori sono disposti a perdonare lui, ma questa è un altra storia. Segnalo che il suo portavoce, Meluzzi, ormai è consulente in tutti i casi giudiziari che abbiano un risalto mediatico e che pontifica anche su casi di cui non sa nulla. In tempi di recessione, è bello sapere che c’è qualcuno che non viene sfiorato dalla crisi.

Parla il fondatore della ‘Comunità l’Incontro’ di Amelia che si occupa del recupero di emarginati e, in particolare, di tossicodipendenti Continua a leggere

Processo a don Gelmini, la pm: “A rischio le testimonianze”

Barbara Mazzullo ha chiesto la formula dell’incidente probatorio per acquisire le testimonianze delle vittime. Il pericolo, secondo la pm, è che possano essere portati a ritrattare in cambio di soldi.
Si è svolta oggi l’udienza preliminare del processo per abusi sessuali a carico di Don Pierino Gelmini accusato da dieci ragazzi ex ospiti delle sue comunità. Duarante la seduta di oggi, la pm del Barbara Mazzullo ha chiesto al gip di Terni che gli accusatori vengano ascoltati con la formula dell’incidente probatorio, ovvero con lo strumento che permette di acquisire le prove prima della fase dibattimentale. Questo istituto giuridico viene utilizzato nel caso in cui ci sia il rischio di non potere acquisire le prove anche in una fase successiva all’udienza preliminare. Continua a leggere

Don Gelmini, udienza rinviata

(ANSA) – TERNI, 9 OTT – E’ stata rinviata al 30 ottobre prossimo l’udienza preliminare a carico di don Pierino Gelmini. In quella data il gip di Terni Panariello comunichera’ la sua decisione sulla richiesta del pm Mazzullo di sentire con la formula dell’incidente probatorio i giovani che accusano il sacerdote di molestie sessuali. Oggi intanto i difensori di don Gelmini, Dinacci e Frezza, hanno depositato una memoria difensiva per confutare le accuse mosse al loro assistito.

Don Marco Baresi: i suoi amici gli dedicano un sito internet

di Wildgreta

“don Marco Baresi… semplicemente innocente”

“Semplicemente innocente”: è questo lo slogan che sembra la pubblicità di un profumo e che, invece, campeggia nella homepage del sito internet nato in difesa di don Marco Baresi, l’ex vicerettore del seminario di Brescia arrestato nel novembre 2007 per pedofilia e del quale troverete tutta la vicenda su questo sito (mi pare fossero 600 i file pedofili trovati nel suo computer). La cosa mi colpisce perchè, finora, solo il maestro di teatro Pino La Monica e il critico d’arte Alessandro Riva avevano avuto un deciso sostegno via web, attraverso appelli, raccolte firme e testimonianze di amicizia. Anche Gianfranco Scancarello, l’autore televisivo indagato per la scuola Olga Rovere di Rignano Flaminio, ha avuto qualche testimonianza via internet e, ultimamente, don Ruggero Conti proprio su questo sito, ha visto  alcuni parrocchiani e conoscenti battersi in sua difesa. Altri indagati o condannati per pedofilia, hanno ricevuto testimonianze di stima su vari siti internet, ma niente di eclatante. Tra questi cito don Gelmini, don Mauro Stefanoni e don Giorgio Carli. Nessuno di loro, però, a quanto mi risulta, ha visto nascere un sito web  intitolato alla propria persona. Il sito donmarcobaresi.net è, infatti, nato da un gruppo di persone che si definisce “amici di don Marco”. Forse è la città di Brescia ad unire le persone e ad ispirare la nascita di comitati in onore dei più sfortunati. Come non ricordare il comitato “Liberi nella verità” fondato da don Mario Neva, in occasione della terribile vicenda dei presunti abusi negli asili Abba e Sorelli? Il processo di appello del Sorelli comincerà il prossimo ottobre, (anche se nessuno ne parla) mentre gli imputati dell’asilo Abba sono stati assolti. Don Neva diede il via alla consuetudine delle fiaccolate a sostegno degli indagati per pedofilia, alle raccolte firme, alle lettere ai giornali e al supporto via internet agli indagati. Peccato che a Brescia non siano state fatte fiaccolate per i bambini tuttora in cura. Vi lascio alla lettera che gli “amici di don Marco” scrivono ai visitatori del sito, facendo un’ultima considerazione: le parole che i sostenitori di don Marco usano per descriversi alla voce “chi siamo” somigliano molto a quelle di altri due siti nati per difendere alcuni indagati per pedofilia che ho dimenticato di citare all’inizio. Ma sicuramente sarà una pura casualità.

Lettera degli amici di don Marco
Gent.mo Lettore,
le chiediamo spazio affinché la nostra testimonianza possa avere voce.

Siamo amici di don Marco Baresi, il vicerettore del Seminario di Brescia arrestato per pedofilia il 26 novembre 2007 e ancora in attesa di giudizio. Siamo famiglie e persone che nella vita hanno avuto la fortuna di incontrarlo e conoscerlo. Le chiediamo spazio perché don Marco è una di quelle persone che non rimane confusa nella folla dei conoscenti. Don Marco Baresi è un uomo che, trovato al proprio fianco, lascia la traccia incancellabile della profondità, della trasparenza, della dolcezza, della saggezza, della bontà, della semplicità d’animo, dell’intelligenza e della modestia che non tutte le persone hanno il dono di possedere. Non solo: assurdamente, anche i gesti e i modi che caratterizzano la personalità di don Marco sono letteralmente ad anni luce di distanza da qualunque tipo di sospetto o di semplice pensiero che abbiano qualcosa a che fare con le accuse che gli sono state mosse contro. Continua a leggere