Archivio tag | asilo olga rovere

Rignano, 5 rinvii a giudizio: la verità dei bambini trionfa sulle bugie dei grandi

1178883460927_13.jpg (600×400)

(il giorno della scarcerazione delle maestre)

di Wildgreta

Finalmente un primo passo deciso verso l’accertamento delle responsabilità per gli abusi subiti dai 21 bambini dell’asilo Olga Rovere di Rignano Flaminio.Oggi, infatti, il GUP Pierluigi Balestrieri ha rinviato a giudizio le tre maestre Patrizia del Meglio, Marisa Pucci e Silvana Magalotti, più la bidella Cristina Lunerti e l’autore televisivo Gianfranco Scancarello.Non sono servite decine di articoli, raccolte firme, testimonianze di amici e accorate difese di alcuni onorevoli,  ad evitare loro il rinvio a giudizio.Perchè se giornalisti del calibro di Carlo Bonini avevano chiuso il caso già un anno e mezzo fa, gli inquirenti, per fortuna, hanno continuato a lavorare, e il frutto di questo lavoro incessante che oggi vede anche un secondo filone di indagine, è proprio nel rinvio a giudizio di oggi.I genitori non si sono contagiati e i bambini non hanno inventato nulla. Poi, il processo stabilirà le singole responsabilità, ma quello che conta, oggi, è sottolineare che i racconti dei bambini hanno trovato riscontri in luoghi e persone e per questo i cinque imputati dovranno essere processati.

I legali delle maestre parlano di “mancanza di coraggio del giudice nel non archiviare”, e sono “sconvolti” dalla decisione presa.Ma la tesi del “contagio dichiarativo”, e dell’errore di persona, non è stata presa in considerazione dal giudice e questo credo che sollevi il morale anche alle altre maestre di nome Patrizia che insegnavano a Rignano e che si sono viste tirare in ballo con un colpo di teatro della difesa, durante questa udienza preliminare.

Dedico questa giornata, a tutti coloro che hanno consumato le loro tastiere per scrivere articoli, libri e comunicati denigratori o irridenti nei riguardi  dei bambini e dei loro genitori.

La dedico a coloro che hanno sottovalutato la loro sofferenza, non considerandola frutto di un trauma e, soprattutto.  dedico questa giornata ai blog pro indagati, che oggi tacciono, dopo aver vomitato tonnellate di insulti su inquirenti, psicologi, periti, genitori e bambini.

wildgreta 12 fwebbraio 2010

Annunci

PEDOFILIA: RIGNANO, DA OGGI IN TRIBUNALE SORTE 5 IMPUTATI

https://wildgreta.files.wordpress.com/2009/06/rignano-asilo-dallalto.jpg

(l’asilo Olga Rovere)

A due anni e mezzo dagli arresti, si terrà oggi, al Tribunale di Tivoli (Roma) l’udienza preliminare per i cinque presunti pedofili indagati per i presunti abusi sessuali commessi ai danni di almeno 21 bambini della scuola “Olga Rovere” di Rignano Flaminio. Tra i reati contestati, atti osceni, maltrattamenti verso minori, sottrazione di persona incapace, sequestro di persona, violenza sessuale aggravata dalla minore età delle vittime.

ARTICOLI CORRELATI:

Rignano, il sindaco e il fantasma

Rignano, Oggi Udienza preliminare: Comincia la battaglia per negare l’orrore

RIGNANO, PEDOFILIA: IL PDL CRITICA GIOVANARDI, I GIORNALI NO

Stampa

di Wildgreta

Ecco tutto quello che è uscito sulla conferenza stampa organizzata a sostegno degli indagati per pedofilia a Rignano Flaminio, il 22 ottobre 2009. Troverete i comunicati di Barbareschi e Mussolini che si dissociano da Giovanardi, nonchè i pregevoli pezzi del Corriere della Sera e Il Tempo, che ormai più che articoli di cronaca, sono delle vere e proprie “odi” agli indagati. Il 30 ottobre inizierà l’udienza preliminare e speriamo che i vari aspiranti al Premio Pulitzer che abbiamo in Italia, e che hanno decretato la fine dell’inchiesta già un anno e mezzo fa, siano impegnati in  altre vicende giudiziarie più importanti di quelle che riguardano gli abusi sui 22 bambini dell’asilo Olga Rovere.

RIGNANO: A. MUSSOLINI, SCIOCCANTE INIZIATIVA GIOVANARDI

E’ gravissimo che il sottosegretario, Carlo Giovanardi, abbia partecipato a un incontro in favore degli imputati nel processo per il delitto di pedofilia in corso a Rignano e abbia affermato che le maestre sono condannate soltanto dalla testimonianza di piccoli. Il tutto a pochi giorni dal pronunciamento del giudice”. Lo dice Alessandra Mussolini (Pdl), presidente della commissione bicamerale per l’Infanzia, che aggiunge:Si tratta di una iniziativa intollerabile. In piu’, non dare valore alle testimonianze dei bambini va contro tutti i principi sanciti dalla Convenzione sui diritti del fanciullo di New York. Se passasse questa aberrazione sarebbe vanificata ogni indagine per i reati di pedofilia. E’ scioccante che un sottosegretario con delega alla famiglia possa prendere le parti degli imputati contro i bambini.(la repubblica 23 ottobre 2009)

Caso Rignano, Luca Barbareschi si dissocia da Giovanardi

L’ On. Luca Barbareschi si dissocia dalla posizione dell’ ex ministro Giovanardi, attuale sottosegretario con delega alla famiglia , in merito all’ indagine della magistratura sugli abusi nell’asilo di Rignano. Barbareschi, Presidente della Fondazione Onlus omonima (www.fondazionelucabarbareschi.it) che da anni si batte contro la pedofilia e gli abusi sui minori , mette in guardia da qualsiasi forma di negazionismo nei confronti di quella che invece va definita “una grave piaga sociale.” “Ritengo inammissibile e inopportuno che un rappresentante della maggioranza di governo , soprattutto nel caso difficile, delicato ed esemplare di Rignano, prenda posizioni a favore di una parte” dichiara il deputato del Pdl ,Vice-Presidente della Commissione Telecomunicazioni e Trasporti. Il caso di Rignano può e deve essere risolto dalla magistratura che ne ha tutte le competenze, mettersi al di sopra di essa rischia di essere un abuso”.(fonte Fondazione Luca Barbareschi) Continua a leggere

Rignano Flaminio, pedofilia: Anche la bidella a rischio processo

Presunti abusi sessuali

rignano asilo dall'alto

(l’asilo Olga Rovere)

RIGNANO FLAMINIO Si allunga la lista delle persone che rischiano di finire sotto processo per i presunti abusi sessuali compiuti su una ventina di bimbi della scuola materna «Olga Rovere» di Rignano Flaminio, alle porte di Roma, nell’anno scolastico 2005-06.

//

Alle maestre Marisa Pucci, Silvana Magalotti e Patrizia Del Meglio e al marito di quest’ultima, lo sceneggiatore televisivo Gianfranco Scancarello, si aggiungerà anche la bidella Cristina Lunerti. Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Tivoli Elvira Tamburelli che, respingendo la richiesta iniziale di archiviazione, ha imposto al pubblico ministero, Marco Mansi, di formulare l’imputazione coatta. È finita in archivio, invece, come sollecitato dal sostituto procuratore, la posizione di altri due indagati, la maestra Assunta Pisani e il benzinaio cingalese Kelum Da Silva. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione di questi ultimi tre indagati erano stati i difensori di cinque famiglie, parti offese nel procedimento penale. Il prossimo passo, dunque, sarà la richiesta di rinvio a giudizio e quindi la fissazione dell’udienza preliminare, durante la quale il gup deciderà se mandare o meno alla sbarra gli indagati. I reati per i quali sta procedendo la procura di Tivoli vanno, a seconda delle posizioni processuali, dai maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli al sequestro di persona, dalla sottrazione di persone incapaci alla violenza sessuale aggravata, dagli atti sessuali con minorenne alla corruzione di minorenne, dalla violenza sessuale di gruppo agli atti contrari alla pubblica decenza.

IL tempo 4 giugno 2009

Rignano Flaminio: dopo le manifestazioni pro indagati, arriva una manifestazione pro bambini

rignano-mostri

La Manifestazione si terrà sabato 28 febbraio alle ore 15 piazza Meucci, Rignano Flaminio.

Mi auguro che, come annunciato, le appartenenze politiche restino fuori da questa manifestazione contro la pedofilia. Siamo abituati a registrare innumerevoli iniziative  in favore degli indagati di tutta Italia, e Rignano Flaminio ha spesso ospitato riunioni, convegni e conferenze stampa,  che avevano lo scopo di proclamare l’innocenza degli indagati e  affermare che “all’asilo olga Rovere non è mai successo niente”. Bene, siccome invece la pedofilia esiste, penso che nessuno troverà strano che si manifesti contro di essa proprio a Rignano Flaminio.

ECCO IL COMUNICATO UFFICIALE:

Una manifestazione di solidarieta’ per i bambini di Rignano Flaminio e contro la pedofilia in assoluto. Ad organizzarla Mario Corsi, conduttore radiofonico di Centro Suono Sport 101.5, con la collaborazione dell’ Agerif, l’associazione genitori Rignano Flaminio (Rm). Il corteo si terra’ sabato 28 febbraio a Rignano Flaminio, con partenza alle 15 da via Meucci.Il corteo, fanno sapere gli organizzatori, e’ aperto a tutti e non ha alcun tipo di  collocazione politica. La Manifestazione si terrà sabato 28 febbraio alle ore 15 piazza Meucci, Rignano Flaminio.

Rignano, Pedofilia/Colleghe maestre indagate:”Ce ne fossero di orchi così, il mondo sarebbe più bello”

illusionista-3

CASO RIGNANO: COLLEGA MAESTRE INDAGATE, SONO INNOCENTI E ABUSI SOLO ILLUSIONE COLLETTIVA

Rignano Flaminio (Roma), 5 feb. – (Adnkronos) – “Vogliamo gridare al mondo l’innocenza delle nostre colleghe, non per amicizia nei loro confronti ma per amore della verita’ e della giustizia e per evitare un errore giudiziario”. E’ quanto ha detto la maestra Emanuela, una delle colleghe delle maestre della scuola materna ‘Olga Rovere’ di Rignano Flaminio accusate di presunti abusi su alcuni alunni, intervenendo al teatro comunale ‘Paladino’ dove, alla presenza di circa 200 persone, le insegnanti hanno espresso la loro solidarieta’ alle indagate. “E’ una storia del tutto priva di logica -ha aggiunto- il loro dolore e’ la nostra sofferenza, ci sentiamo umiliate e ferite come educatrici. Proviamo pena e dolore per i figli dei denuncianti, costretti ad entrare nel vortice di una illusione collettiva. Se ci sara’ un processo le vere vittime, oltre agli insegnanti, saranno i bambini”. La maestra ha spiegato che nella scuola Olga Rovere “non e’ successo mai nulla” di quanto e’ stato denunciato: “La scuola ha una struttura quasi completamente a vetri, attraverso i quali e’ possibile vedere anche all’esterno -ha sottolineato- e’ un viavai continuo, infatti i bagni quasi sempre sono frequentati, nei corridoi ci sono bidelli, cuochi e spesso vi e’ un operaio comunale per piccole opere di manutenzione oppure il fornaio che rifornisce la mensa. E ancora -ha proseguito- i genitori arrivano ad ogni ora anche durante quelle scolastiche”. “Le nostre colleghe -ha detto la maestra tra gli applausi dei presenti- sono innocenti e nella scuola non e’ successo nulla di quanto denunciato. Ci appelliamo alla magistratura perche’ nulla sia lasciato al caso in questa fase e perche’ le sorti di queste maestre siano trattati con il dovuto rispetto”. Infine, un pensiero per la sua collega e maestra indagata Marisa Pucci: “Ha un’indiscussa professionalita’, i bimbi erano sempre gioiosi in sua compagnia. Se e’ un orco oppure un mostro ce ne fossero tanti di orchi cosi’ perche’ il mondo sarebbe piu’ bello”.
(Sci/Zn/Adnkronos)
Giovedì, 5 febbraio 2009

Articoli correlati:

Rignano Flaminio, riunione a sostegno maestre sotto accusa: “L’amore della verità”

Rignano, assemblea a sostegno delle maestre: IL VIDEO