Archivio tag | abusi all’asilo

Presunti abusi sui bimbi della scuola delle Suore degli Angeli

Vittoria: le religiose si difendono asserendo che si tratti di calunnie

La Procura ha aperto un´indagine. Posti sotto sequestro un personal computer e una foto camera digitale. Le suore sarebbero intenzionate a querelare chi ha messo in giro queste voci. Annullata la conferenza stampa in un primo momento annunciata

Giuseppe La Lota

presunti abusi ai danni dei bambini che frequentano la scuola delle suore degli Angeli di Vittoria? Ci sono indagini in corso. La madre superiora, una napoletana, e le altre due sorelle, una del Congo e una filippina, non ci stanno a subire queste voci che consideran infamanti e gridano alla calunnia. Le suore si dicono quindi pronte a querelare chi ha messo in giro la voce delle presunte molestie sessuali nei confronti delle piccole alunne della scuola della piazzetta vicina al Municipio di Vittoria.

La procura ha aperto un fascicolo sulla vicenda che si presta a molti equivoci. Da qualche giorno in città non si parla d’altro, ovviamente a denti stretti e nella massima riservatezza. Le suore, indignate, hanno in un primo momento indetto un incontro con la stampa per venerdì mattina nel salone della scuola. Ma nelle ultime ore la conferenza stampa è stata annullata.

I genitori, da diverse settimane, non mandano più i bambini a scuola, che chiude il 30 giugno, col pretesto che si era sparsa la varicella nelle classi. I motivi delle assenze, invece, sarebbero dovuti al timore delle presunte molestie sessuali ai danni dei figli. Una madre conferma che è stata presentata denuncia in Procura ma non è disposta a rilasciare dichiarazioni fino a quando non si faccia piena luce sulla vicenda, fra l´altro seguita anche da psicologi e medici.

Di certo c´è una denuncia presentata alla Procura della Repubblica da alcuni genitori i quali, dopo aver sottoposto i bambini a visita ginecologica avrebbero riscontrato delle anomalie da approfondire. La Procura ha avviato un’indagine, affidando alla Polizia l´iter giudiziario. Un personal computer e una foto camera digitale sarebbero stati acquisiti dagli inquirenti per i controlli del caso.

ABUSI AL’ASILO DELLE SUORE? INTANTO RIMANE CHIUSO

Rimane ancora controversa la vicenda dell’asilo di Vittoria gestito dalleSuore degli Angeli. La procura della Repubblica di Ragusa ha infatti aperto un’indagine su presunti abusi ai danni di alcuni bambini che frequentano l’istituto.

La notizia risale a qualche giorno fa, quando alcuni genitori avrebbero riscontrato delle “anomalie” nei propri figli. Nulla di certo al momento,nessuna dichiarazione da parte delle mamme dei bambini che non vogliono esprimersi fino a quando la procura non farà piena luce sul reale accaduto.

Ci sono indagini in corso – ha affermato il procuratore, Carmelo Petralia – dopo che un buon numero di genitori ha presentato un esposto. Sono stati già fatti alcuni accertamenti ed altri sono in corsoI genitori non mandano più i figli a scuola, ma il procuratore sostiene che questo fatto può considerarsi fisiologico, visto che siamo a fine giugno“.

Nel fascicolo, aperto in seguito alla denuncia di qualche genitore, non risulta comunque nessun indagato ma per le suore che gestiscono l’istituto scolastico è soltanto “calunnia e un macchinoso progetto perverso e denigratorio“.

Nella scuola di Vittoria, gestita da una suora di origini campane, era stata indetta per domani una conferenza stampa, che risulta però annullataper motivi ancora sconosciuti.

Il sostituto responsabile delle indagini Monica Monego e la Squadra mobile di Ragusa stanno procedendo con le indagini, al fine di chiarire questa triste vicenda che ha destato stupore in tutto il ragusano.

http://ragusa.blogsicilia.it/2010/06/abusi-nellasilo-delle-suore-intanto-e-chiuso/

Annunci

PEDOFILIA, ASILO VALLO DELLA LUCANIA: SUOR SOLEDAD E IL PROCESSO SEGRETO

INFORMAZIONE ASSENTE O A SENSO UNICO

DI WILDGRETA

La stampa dovrebbe avere il compito di informare il pubblico sui fatti che accadono e quando si tratta di processi importanti, sarebbe opportuno che le udienze fossero sintetizzate e raccontate in modo completo.Quello che noto nel caso del processo per abusi all’asilo Paolo VI di Vallo della Lucania, invece, è che i due quotidiani che seguono le udienze, non pubblicano nulla o raccontano solo ciò che potrebbe essere utile alla difesa della suora. Dell’ultima udienza del 27 maggio, poi, mi pare parli solo La Città di Salerno, mentre il Mattino, tace. E cosa ci racconta questo quotidiano? Non delle testimonianze dei genitori ascoltati, ma solo di una coppia ritenuta dal PM reticente.Anche gli articoli passati hanno dedicato poco spazio alle testimonianze dei genitori, mentre nei titoli si strillava, “Sì, ho suggerito io i racconti a mia figlia”.Il caso di Vallo è però citato anche in altri articoli di cronaca locale,e lì si sfiora quasi il ridicolo, perchè i bambini “presunti” abusati diminuiscono improvvisamente. Dai 36 iniziali, si scende a 27, fino a toccare la quota di 10-15. Insomma, un processo grosso e importante, che pare interessi molto poco e di cui non si sa neppure il numero esatto di “presunte” vittime.

O forse, interessa troppo, e allora è bene sminuirne l’importanza nel caso vada male per la suora e le due consorelle accusate?

La particolarità di questo processo è, tra le altre cose, che vede Francesco Bruno consulente di parte di suor Soledad, lo stesso Francesco Bruno che stando agli ultimi articoli usciti sul caso Rignano è anche consulente delle maestre rinviate a giudizio per gli abusi all’asilo Olga Rovere. Francesco Bruno è credo l’unico “esperto” al mondo (insieme a pochi altri esperti di “Falsi Abusi”), ad aver affermato che i bambini dai tre ai cinque anni non sono attendibili. Considerando che la quasi totalità della comunità scientifica mondiale ritiene i bambini piccoli più attendibili di quelli grandi, non so come si regolerà a Rignano, dove come testimoni si troverà anche 10 bambini di dieci anni, oltre ai 21 che all’epoca dei fatti ne avevano dai 3 ai 5. Cambierà versione, sostenendo che tutti i bambini non sono attendibili a prescindere dall’età?

Ma a Vallo della Lucania suor Soledad può contare anche sull’avvocato Gulotta, reduce dai successi di Brescia e dai tonfi di Milano e Roma.Gulotta sostiene come al solito la tesi del contagio e cercherà di convincere i giudici che i bambini hanno inventato tutto, ispirati dai genitori che si sono contagiati l’un l’altro.Conosciamo a memoria questa teoria balorda, che per essere resa più credibile qualcuno cerca di estendere ad altri fatti di cronaca che nulla hanno a che fare con gli abusi negli asili.Le molotov contro l’abitazione della maestra di Pistoia? “Contagio collettivo”. I genitori non mandano i figli a scuola perchè pare ci sia un bidello pedofilo? “Contagio collettivo”.La pedofilia è una piaga sociale? “Contagio collettivo, il 96% delle denunce sono false.” Ma allora tutti i filmati pedopornografici che circolano su internet? “Roba fatta all’estero, chissà da chi”…

Caso suor soledad
la Città di Salerno — 29 maggio 2010 pagina 26 sezione: NAZIONALE

• Vallo della Lucania. Nuova udienza presso il tribunale di Vallo della Lucania per il caso Suor Soledad. • Giovedì pomeriggio sono stati ascoltati altri testimoni della lunga lista del pubblico ministero. Dinanzi alle riposte vaghe e prive di particolari fornite da due genitori dei bambini coinvolti nel presunto caso di molestie sessuali, il pm ha richiesto la trasmissione dei relativi atti al suo ufficio per verificare se nei confronti dei due genitori sussista l’ipotesi di reticenza o falsa testimonianza. Pare infatti che i due genitori convocati dallo stesso pm siano stati particolarmente vaghi nel fornire la propria testimonianza in merito ai fatti che sarebbero accaduti all’interno dell’asilo religioso Santa Teresa. Le risposte dei due testimoni ascoltati in precedenza solo dai periti, non hanno soddisfatto le aspettative del pubblico ministero che ha chiesto l’acquisizione della documentazione relativa alle precedenti ricostruzione dei fatti rilasciate dai due genitori. Iniziata intorno alle 14 l’udienza si è conclusa intorno alle 18. Quattro ore ininterrotte di interrogatori per raccogliere le deposizioni di altri genitori dei piccoli alunni di Suor Soledad. (c.s.)

RIGNANO, UDIENZA 14 NOVEMBRE: L’ORA DEGLI SPUTI

https://i0.wp.com/www.televisionando.it/img/gianfranco_scancarello_e_la_moglie.jpg

I coniugi Scancarello

15/11/2009

Fuori del tribunale una lite tra due imputati e i genitori dei bambini che hanno denunciato gli abusi


FLAVIA AMABILEE’ andata come in fondo si temeva, questa seconda udienza preliminare per gli abusi denunciati dalle famiglie dei bambini che frequentano la scuola materna Olga Rovere. Due imputati, Gianfranco Scancarello e la moglie, sono entrati dall’ingresso principale del tribunale. I genitori erano lì, poco prima era già passata un’altra delle imputate ma non era accaduto. Gianfranco Scancarello, però, non si limita a passare, quando vede i genitori li apostrofa: ‘Bravi, siete stati proprio bravi!’ esclama, secondo il racconto dei legali della difesa dei genitori.
A quel punto la tensione esplode. Si arriva in un istante agli insulti e agli sputi. I due vengono accompagnati all’esterno del tribunale e pregati di entrare da un ingresso secondario. Ne approfitteranno più tardi per chiedere il trasferimento del processo per inquinamento ambientale. La richiesta verrà rifiutata: all’ambiente dei coniugi Scancarello non interessa nulla, a Tivoli nemmeno sapevano dell’udienza, davanti al tribunale non c’erano assembramenti se non il minimo indispensabile per un processo ad alto impatto mediatico.

Dentro il tribunale l’udienza è stata una sconfitta su tutti i fronti per gli imputati. Il pm Marco Mansi ha ribadito la richiesta di processo per tutti gli indagati per i presunti abusi sessuali. Il gup ha respinto tutte le eccezioni preliminari difensive. «L’udienza ha segnato un ulteriore passo in avanti per accertare la verità», hanno detto i legali di parte civile
Franco Merlino ed Antonio Cardamone. «La richiesta di rinvio a giudizio ha sottolineato la validità delle dichiarazioni di bambini e genitori, dei risultati degli incidenti probatori e dei riscontri oggettivi», ha aggiunto Carlo Taormina.
continua a leggere

articoli correlati:

ABUSI RIGNANO, AVVOCATO NASO: DAL “QUASI NIENTE” AL “NULLA”

ABUSI ASILO RIGNANO, UDIENZA 14 NOVEMBRE:RESPINTE TUTTE LE ECCEZIONI

 

Pedofilia. Condannato sacerdote cattolico tuttora anonimo

Abusi all’asilo, condannato l’anonimo sacerdote di Ferrara. Dieci le vittime dai 3 ai sei anni. Due maestre licenziate perchè avevano denunciato i fatti.

Ma il sacerdote, ora in una comunità, è rimasto sconosciuto. Quello che preoccupa è che nessuno sappia chi è. Una persona con problemi così gravi e che si è macchiato di una colpa così orrenda (i racconti di ciò che faceva fare il sacerdote ai bambini sono terribili), vorremmo sapere perchè mai debba rimanere anonimo. Chiunque sappia darci una risposta, ci scriva.

Il Tribunale di Ferrara ha riconosciuto colpevole un sacerdote accusato di avere abusato sessualmente di dieci bambini che frequentavano l’asilo della parrocchia. Dovrà scontare in carcere 6 anni e 10 mesi

FERRARA (10 apr. 2008) – Mentre cresce l’attesa per il discorso che il Papa terrà a New York il 19 aprile, al cui centro ci sarà il tema degli abusi sessuali che hanno sconvolto negli ultimi anni la Chiesa cattolica, la cronaca giudiziaria di questi giorni porta di nuovo l’attenzione sull’argomento. Stavolta i reati commessi sono vicino a noi. E’ stato condannato ieri dal Tribunale di Ferrara un sacerdote di 68 anni accusato di avere abusato sessualmente di dieci bambini che frequentavano l’asilo della parrocchia. Dovrà scontare in carcere sei anni e dieci mesi. Una condanna che va oltre le richieste dell’accusa. Sei anni aveva chiesto il Pm Filippo Di Benedetto. L’accusa è la seguente: “atti di chiara matrice sessuale”.
Le sue vittime erano bimbe tra i 3 e i 6 anni che frequentavano la scuola materna della parrocchia. A portare alla luce la vicenda furono due educatrici dell’asilo, subito licenziate dal sacerdote, che nel 2005, però, venne arrestato per evitare la ripetizione dei reati.
Nel giugno dello scorso anno le due educatrici, insieme ad altre 27 persone, avevano testimoniato per l’accusa e per le parti civili. Nella stessa udienza vennero sentiti anche i 10 testimoni della difesa.
Oltre alla pena detentiva, il sacerdote è stato condannato a provvisionali di migliaia di euro nei confronti delle piccole vittime e dei loro genitori, oltre che al pagamento delle spese processuali. L’uomo ora è ospitato in una struttura religiosa nel bolognese e dopo la sentenza ha lasciato disperato il Tribunale. “Era sicuro di essere creduto”, affermano i suoi legali che attendono le motivazioni per presentare appello.
Soddisfatte le maestre che denunciarono affiancate dai pochi familiari presenti. Al riconoscimento della verità hanno però pagato un prezzo pesante: la perdita del posto di lavoro e l’ostracismo dei compaesani, in una vicenda che ha lacerato la piccola comunità.