Archivi

MEREDITH: LA CONDANNA DI AMANDA E RAFFAELE

meredith_kercher4.jpg (250×250)

DI WILDGRETA

E’ finita, almeno per ora, la speranza del Natale a casa. Amanda e Raffaele sono stati infatti condannati rispettivamente a 26 e 25 anni.

I giudici: «Amanda e Raffaele colpevoli»

Condannati a 26 anni la ragazza americana e 25 anni per il fidanzato italiano

PERUGIA- «Colpevoli». Ventisei anni di reclusione per Amanda Knox, 25 per Raffaele Sollecito. Questa la sentenza emessa dalla Corte d’assise di Perugia per i due giovani accusati dell’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher. Per Amanda, l’Amelie di Seattle come l’ha definita il suo avvocato Giulia Bongiorno, e Raffaele Sollecito, lo studente d’informatica laureatosi ingegnere in prigione, è arrivato il giorno della verità, dopo due anni di carcere e 11 mesi di udienze. é la verità è stata dura. Amanda e Raffaele non sono, secondo la corte, i ragazzi acqua e sapone al loro primo amore, travolti da uno «tzunami mediatico» e da un’accusa pesantissima ma «incompiuta», perché «senza movente e senza riscontri certi». La corte d’Assise di Perugia è entrata venerdì mattina in camera di consiglio e ne è uscita dopo mezzanotte.

05 dicembre 2009 Corriere della Sera

MEREDITH:IL DESTINO DI AMANDA E RAFFAELE SI CONOSCERA’ A MEZZANOTTE

DI WILDGRETA

A mezzanotte del 4 dicembre 2009, verrà letta la sentenza sull’omicidio di Meredith Kercher.Tutti, parenti degli imputati e di Meredith, si dicono fiduciosi nella giustizia.L’Italia non si è divisa come in altri casi famosi fra innocentisti e colpevolisti, perchè i dubbi sono molti.Sembra che in questo processo manchi qualcosa, ma non riesci a capire cosa. Anche a Garlasco c’è la medesima sensazione: manca qualcosa. Speriamo che i giudici abbiano le idee più chiare di tanti di noi. Di seguito, le ultime battute del processo, con le dichiarazioni spontanee di Amanda e Raffaele.

Meredith, Raffaele: ridatemi la mia vita . Amanda: temo la maschera da assassina

Dichiarazioni spontanee degli imputati al processo a Perugia

Legale famiglia Kercher: uccisa perché conosceva aggressori

La madre di Amanda: ho una grande fiducia nei giudici e nella giuria

PERUGIA (3 dicembre) – Raffaele Sollecito chiede di riavere di nuovo la sua vita: «Sono innocente». Amanda Knox ha «paura della maschera di assassina» che le è stata attribuita. Queste le dichiarazioni spontanee rese dai due imputati nel processo per la morte di Meredith Kercher.

Continua a leggere

MEREDITH: NO A NUOVE PERIZIE.AL VIA LE ARRINGHE

Omicidio Meredith, chiuso il dibattimento si passa alle arringhe

di: 09/10/2009 – h 22,38

La Corte d’assise di Perugia non ha ammesso la richiesta di ulteriori perizie; fissate le date del 20 e 21 novembre per l’inizio della requisitoria dei Pm .
Per difensori di Amanda Knox quella della Corte d’assise di Perugia di non ammettere ulteriori perizie nel processo per l’omicidio di Meredith Kercher è una decisione «che va accettata».
Giudizio «positivo» da parte di uno dei difensori di Sollecito
. « perchè sono acquisiti – ha spiegato – tutti i documenti che abbiamo presentato, compresa la chat di Rudy (quella in cui Guede parla con un amico, a sua insaputa sotto il controllo della polizia, via Internet prima di essere arrestato – ndr) e per noi questo è molto importante. Poi il fatto che la Corte voglia stringere i tempi è un altro elemento positivo.
Siamo molto fiduciosi
che la situazione si possa definire positivamente per noi». Soddisfatto anche il legale di parte civile per la famiglia Kercher. «Deriva – ha aggiunto – da una lunghissima istruttoria dibattimentale. I giudici hanno ritenuto che abbia chiarito tutti gli aspetti, seppure portati in modo diverso e spesso opposto dai vari consulenti».
La decisione della Corte d’assise di Perugia  che non ha ammesso alcuna delle perizie chieste dalle difese di Raffaele Sollecito e di Amanda Knox nel processo per l’omicidio di Meredith Kercher. È venuta dopo una camera di consiglio durata circa due ore al termine della quale sono risultate accolte le tesi dei PM di respingere le richieste di nuove perizie avanzate dalle difese dei due imputati.
TAMTAM 9 OTTOBRE 2009

MEREDITH, LEGALI SOLLECITO CHIEDONO NULLITA’ RINVIO A GIUDIZIO

Mez, chiesta nullità del processo

Istanza dei difensori di Sollecito

I difensori di Raffaele Sollecito, indagato nel processo per l’omicidio di Meredith Kercher, hanno chiesto la nullità della richiesta di rinvio a giudizio e del decreto con il quale è stato disposto il processo, oltre all’inutilizzabilità di alcuni atti. All’istanza si sono associati i legali di Amanda Knox, mentre, ovviamente, il pm si è opposto. La corte d’Assise si è ora ritirata in camera di consiglio per decidere.


rte d’Assise si è ora ritirata in camera di consiglio per decidere.

Il processo per l’omicidio della studentessa inglese è appena ripreso a Palazzo di Giustizia, a Perugia. In aula erano presenti i due imputati, Raffaele Sollecito e Amanda Knox, che ha indossato una felpa rossa con, sul retro, la scritta “Beatles”, e i volti stilizzati dei cantanti. E c’era anche il padre di Raffaele Sollecito.

Le richieste sono state presentate dagli avvocati Giulia Bongiorno e Luca Maori, difensori di Sollecito. E si sono associati i legali di Amanda, Luciano Ghirga e Carlo Dalla Vedova. Il pm Manuela Comodi si è opposto alla richiesta.

I motivi della richiesta
La Bongiorno, depositando anche una memoria, ha sottolineato la lesione del diritto di difesa in relazione all’esame del Dna attribuito a Sollecito. In particolare, in relazione alla mancanza di dati e della descrizione di procedure con le quali la biologa della polizia scientifica Patrizia Stefanoni ha identificato e quantificato le tracce biologiche.

La difesa della Knox ha sollevato inoltre la questione dell’attribuzione alla vittima del Dna trovato sul coltello considerato l’arma del delitto. Di “eccezioni totalmente infondate” ha parlato il pm Comodi secondo la quale “non esiste una nullità assoluta degli atti”. Lo stesso ha fatto il legale della famiglia Kercher, Francesco Maresca. “I consulenti delle difese – ha affermato tra l’altro – hanno partecipato allo svolgimento degli esami di laboratorio senza fare alcuna osservazione”.

Attesa in queste ore la deposizione del medico legale Adriano Tagliabracci, consulente della difesa dello studente di Giovinazzo che si è occupato, in particolare, degli accertamenti relativi al Dna. La deposizione di Tagliabracci era stata interrotta durante l’ultima udienza dopo che la Corte d’Assise di Perugia, su richiesta della difesa Sollecito, aveva disposto il deposito di tutti gli atti relativi alle analisi di laboratorio svolte dalla polizia scientifica nel corso delle indagini.

TGCOM 14 SETTEMBRE 2009

MEREDITH: GENITORI IN AULA, DIFENDONO AMANDA E RAFFAELE

di Claudio Sebastiani

PERUGIA- Quella tra Raffaele Sollecito e Amanda Knox “era una bella storia” ma ora i due ex fidanzati sono accusati dell’omicidio di Meredith Kercher e per difenderli oggi hanno testimoniato davanti alla Corte d’assise di Perugia il padre del giovane pugliese, Francesco Sollecito, e la madre della studentessa di Seattle, Edda Mellas. Hanno ribadito la loro certezza nell’innocenza dei figli e risposto a domande su vari aspetti dell’indagine. Secondo il legale dei Kercher, Francesco Maresca, sono però emerse “incertezze” su orari considerati fondamentali per l’inchiesta. “Sapevo di Amanda – ha detto Sollecito – e Raffaele la coccolava come una bambina”.

Ha quindi riferito della telefonata fatta al figlio alle 20.42 del primo novembre 2007, la sera del delitto, e di averlo richiamato la mattina dopo alle 9-9.30. “Era a letto che dormiva” ha spiegato. Poi i nuovi contatti verso le 12.30 quando era stata trovata aperta la porta d’ingresso alla casa dove vivevano la Knox e la Kercher, ma anche infranta la finestra in camera di una delle coinquiline italiane. E la scoperta del cadavere: “mi disse che era stata uccisa un’amica di Amanda ed eravamo affranti”. Di Raffaele, il padre ha sottolineato le condizioni economiche “agiate”, per avere ereditato delle proprietà dalla madre morta nel 2005, e spiegato l’abitudine del giovane a portare coltelli con la passione adolescenziale di intagliare la corteccia degli alberi. Rispondendo a una domanda dei difensori del figlio, Sollecito si è soffermato sul dossier predisposto per evidenziare come la scena del delitto risultasse “modificata” tra il primo e il secondo sopralluogo della polizia. Alcune immagini (tra le quali quelle del corpo della vittima) vennero poi trasmesse dall’emittente Telenorba e per questa vicenda Sollecito è stato inquisito dalla procura di Perugia che gli ha notificato l’avviso di conclusione indagini. Il padre di Raffaele ha parlato di “errori grossolani” costati il carcere al figlio come l’attribuzione di una impronta di scarpa poi rivelatasi di Rudy Guede “che ha portato il gip a convalidare il fermo”.

Edda Mellas ha invece ricordato il primo incontro in carcere con la figlia. “Stava malissimo – ha spiegato – perché Patrick Lumumba (arrestato ma poi prosciolto – ndr) era stato trascinato in questa bruttissima situazione”. Ha spiegato che Amanda le parlò delle presunte pressioni ricevute in questura e ricostruito le telefonate della mattina del 2 novembre (la notte, a Seattle). “Non ci sono prove contro di lei” ha ribadito la Mellas, spiegando che la figlia non pensò mai alla fuga. Una deposizione che Amanda ha seguito prendendo appunti. “Questa – ha tra l’altro scritto riferendosi alla deposizione della madre – è più difficile per me che il mio esame”. E ancora: “She is doing ok”, “lei è andata bene”. Testimonianze che però secondo l’avvocato Maresca hanno evidenziato “incertezze” su orari e particolari considerati importanti per l’indagine. Come la cena di Raffaele e Amanda la sera del primo novembre e le indicazioni fornite dall’americana alla madre nei primi contatti telefonici e poi ricostruiti con le intercettazioni ambientali in carcere.

claudio.sebastiani@ansa.it