ISRAELE:ARRESTATO GURU SCHIAVISTA CON 17 MOGLI


Quando i suoi figli lo vedevano entrare per la porta dovevano baciarli le scarpe, e  subito dopo adorarlo davanti a uno dei suoi molti ritratti sparsi per la casa. In quanto alle sue 17 mogli, portavano tatuate sulla pelle il suo viso e non potevano parlare tra loro, tanto meno potevano riposarsi.
Goel Ratzon, “ l’illuminato”, leader indiscusso di un piccolo harem, dove le donne lo adoravano come unmessia con poteri soprannaturali, è stato arrestato ieri dalla polizia di Tel Aviv. L’uomo è indagato per reati che vanno dallo stupro allo schiavismo, fino all’estorsionel’abuso sessuale.
La macabra storia è venuta alla luce lo scorso febbraio, per un reportage diffuso dal Canal 10 israeli, nel quale  le compagne di Ratzon giuravano di stare con lui per volontà propria e minacciavano disuicidarsi se qualcuno avesse minacciato il loro guru. Inoltre assicuravano che lui era il vero“salvatore dell’Universo”, e che questo era proprio il significato del suo nome  in ebraico. Da parte sua, la “guida spirituale” non era nemmeno capace di ricordare i nomi di tutte le sue donne.
Dopo sei mesi di indagine, grazie al lavoro decine di investigatori e 150 lavoratori sociali, la Procura assicura aver riunito le prove necessarie per dimostrare che Ratzon avrebbe violato la legge israeliana anti-schiavitù. La pena massima sarebbe di 16 anni.
Il problema maggiore adesso è costituito dalle 17 moglie e dai 39 figli di Ratzon, che, secondo quanto affermano i servizi sociali sarebbe in “lutto” per essere stati separati dall’uomo che considerano “un salvatore”.
Annastella Palasciano

newnotizie 18 gennaio 2010

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...