Pedofilia, don Luciano Massaferro: innocentisti su Facebook

di Wildgreta

Anche a don Luciano non poteva mancare il sostegno via web, e così su Facebook  è nata la pagina degli innocentisti che finora ha raccolto 270 adesioni (non molte). Molti di più,però appaiono i sostenitori di Alassio, la “Alassio-bene” come viene definita in un articolo. E’ di oggi,poi, la notizia che ad affiancare l’avvocato di don Luciano, si è aggiunto l’esperto di casi di pedofilia, nonchè presidente dell’ordine degli avvocati di Torino, Mauro Ronco. Di seguito gli articoli.

Doppia difesa per Don Luciano

don luacino

Savona. Si ricorre ad un esperto di fama nazionale come Mauro Ronco – presidente dell’ordine degli avvocati di Torino ed esperto in casi di pedofilia – per rinforzare la difesa di Don Luciano, il parroco alassino accusato di violenza sessuale nei confronti di un’undicenne, sua parrocchiana.

Non si tratta però di una sostituzione, o di un cambio di rotta nella strategia difensiva: nel “team” legale in difesa di don Luciano, rimane anche l’avvocato Alessandro Chirivì, che, dall’inizio di questa brutta storia, ha seguito passo dopo passo la vicenda giudiziaria. L’avvocato Ronco ha anzi condiviso le misure prese dal giovane avvocato che lo affiancherà in questa storia e si è definito “convinto della necessità di discutere in sede di Riesame le misure cautelari”.

Il duro interrogatorio di martedì non ha dunque significato una “rottura” col passato nella strategia difensiva. La presenza di un così noto avvocato, esperto in casi analoghi a quello che vede coinvolto Don Luciano, mostra però chiaramente di come la “partita” sia diventata dura per il parroco alassino.

Molto si è detto del pc al vaglio degli inquirenti. Non si tratta però di un pc personale del parroco, ma di quello a disposizione di tutti gli educatori dell’oratorio. La difesa, ha nominato come consulente di parte l’ingegner  Alessandro Mastelli.

facebook: 200 “innocentisti” per “Don Lu”

Don Luciano Massaferro

Ci sono i dubbi sulla correttezza dello svolgimento delle indagini, la rabbia contro i giornali che “sbattono in prima pagina la foto di un uomo prima che venga accertata la sua colpevolezza”, e la certezza che si tratti di un incubo che prima o poi finirà “perchè Don Luciano non ha mai fatto nulla di male”: sono questi i sentimenti che popolano i cuori del gruppo “innocentista” di Facebook che, nato appena tre giorni fa, conta circa 200 iscritti.

Tutti desolati, indignati, sgomenti, ma accomunati dalla certezza che il parroco alassino, accusato di violenza sessuale nei confronti di una bimba di 11 anni, sia vittima di un clamoroso errore giudiziario.

E così Carlo Annibale battezza il gruppo “nato in via esclusiva per raggruppare tutti quelli che credono nell’innocenza di Don Luciano, per testimoniare quante persone credono in lui e che vogliono pregare per il Don”. A lui si affianca, tra gli altri Rosanna che non ha dubbi “ma solo la certezza della tua estraneità ai fatti”.

Come è potuto accadere?, si chiedono in molti. E poi c’è chi più concretamente critica il modo in cui sono state condotte le indagini, come Marco secondo cui “non ci sono altri indizi che un racconto, ritenuto vero da una “psicologa” che ha visto la bambina una sola volta ed è corsa alla Polizia”; o come un altro Marco che scrive: “Nel nostro bel paese, prima ti arrestano e dopo col tempo, molto tempo, ti danno la possibilità di difenderti, vieni sbattuto in prima pagina”.

E poi Corrado che definisce la vicenda “un grande errore, ingigantito dal clamore mediatico che l’ha seguito e dall’applicazione di misura cautelare, che, francamente, lascia alquanto perplessi e che personalmente non condivido, richiamando alla mia memoria il triste metodo del periodo di “tangentopoli”.

E infine i dubbi di molti: “Quale pericolo di inquinamento delle prove? quale possibile reiterazione del reato? quale pericolo di fuga? La Procura con un po’ di buon senso chieda la revoca della custodia cautelare in carcere e lo faccia venire a casa!!”, è l’intervento di Luigi.

IGV 5 GENNAIO 2009

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...