DON RUGGERO:IL SUO AVVOCATO NE CHIEDERA’ LA SCARCERAZIONE

Prete accusato di pedofilia, torna in cella don Ruggero
Torna in carcere don Ruggero Conti, ex parroco della parrocchia Natività di Maria Santissima, già arrestato nel giugno scorso perché accusato di aver abusato di alcuni minorenni.

Lo ha deciso il gip Carmine Castaldo accogliendo l´istanza del pm Francesco Scavo. Il sacerdote il 30 giugno scorso era finito in carcere per poi andare agli arresti domiciliari il 16 settembre successivo.

Alla base dell´istanza del pm il decreto sicurezza emesso di recente dal governo. È già il secondo indagato per presunti episodi di violenza sessuale ´vittima´ di questo provvedimento. Nei giorni scorsi infatti è tornato in carcere D.F, il 22enne accusato di aver stuprato una ragazza la notte di Capodanno.

Il legale dal sacerdote, l´avvocato Patrizio Spinelli, ha già presentato un´istanza con cui sollecita la remissione in libertà del suo assistito il quale soffrirebbe di gravi problemi di salute. Nei giorni scorsi il pm Scavo, invece, aveva chiesto il rinvio a giudizio del prete per atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile continuate e aggravate.
(La Repubblica 19 marzo 2009)

Annunci

2 thoughts on “DON RUGGERO:IL SUO AVVOCATO NE CHIEDERA’ LA SCARCERAZIONE

  1. Segnalo il proscioglimento per prescrizione di don Giorgio Carli in Cassazione e la conferma della condanna al risarcimento. In pratica la cassazione ha riconosciuto la responsabilità del prete.

    Le assurde reazioni da parte die suoi colleghi

    Dal Corriere della Alpi del 20/03/2009, pag. 3

    http://stage7.presstoday.com/_Standard/Articles/9185514

    Reazione a caldo Curia informata nella notte. Il teologo perplesso: vicenda fumosa
    Renner: «Un epilogo paradossale»

    BOLZANO — Davanti a un quadro interpretativo ancora pienamente da definire sulla vicenda, don Paolo Renner, a capo del-l’Istituto di Scienze religiose, non si tira indietro nel ribadire a caldo le sue (vecchie e nuove) perplessità.
    «Se c’è un proscioglimento ma poi si dice che si paga lo stesso un risarcimento, allora a mio avviso esiste un paradosso — spiega Renner — anche per questo, prima di dare giudizi definitivi bisogna senza dubbio vedere quali siano esattamente le motivazioni di questa ultima decisione dei giudici. Certo che l’intera vicenda giudiziaria è sempre stata, da un certo punto di vista, “fumosa”. Speravamo che emergesse maggiore chiarezza anche su una modalità processuale che ha lasciato perplessi sia normali cittadini ma anche molti magistrati, che hanno avanzato dubbi sul peso dato alla psicologia e alla psicoterapia in questo procedimento».
    La richiesta di questo ingente risarcimento farà discutere molto: «Se questo lato della vicenda potrebbe gettare ombre su don Carli? Dico che della sua presunta colpevolezza finora non sono riusciti a convincerci — prosegue don Renner — caso mai, il problema è se chiunque o meno possa andare dallo psicoterapeuta e accusare chiunque altro di un presunto danno per cui poi quest’ultimo è chiamato a pagare».
    Il riferimento è alla ricostruzione data dalla presunta vittima delle violenze, appunto scaturita da una serie di «sedute».
    «Se vogliamo usare la psicologia e suoi quadri clinici, allora usiamo tutto e in modo sistematico e allora magari ci si interrogherebbe su come un presunto autore di reati così gravi, negli anni avrebbe avuto molte probabilità di ripetere questi gesti, queste debolezze — spiega Renner, facendo riferimento anche alla tesi del luminare Gullotta — e invece su don Carli, non c’è stato nessun altro sospetto. Ricordiamoci poi che sul suo diario la presunta vittima scriveva di essere entusiasta di don Giorgio . E allora? Forse nella memoria della presunta vittima c’è stato un abbaglio, o forse c’è stata un’altra persona che ha fatto quelle cose, chissà. Sono tante le ipotesi. Di certo le prove non sono state inconfutabili. Forse una decisione come quella di oggi “farà giurisprudenza” e allora avremo presumibilmente una valanga di processi, anche su base magari pretestuale, come c’è stata in America sul mobbing. O ricordiamoci i ragazzini che in Germania hanno accusato i propri insegnanti di varie forme di violenza per scoprire poi che si trattava di millantatori o di giovani che volevano farsi grandi, o cose del genere». Ultima sottolineatura di don Renner: «Dispiace vedere che in tempi come questi si getti fango su un educatore che, fortunatamente per tutti, potrà continuare a fare del bene».
    La notizia è rimbalzata in Curia. Il vescovo Golser è stato informato nella notte.
    P. P.
    Colpevolisti L’avvocato Loner, il pm Marchesini e il giudice Tarfusser

  2. Cosa vi è di assurdo nel chiedere di conoscere compiutamente le motivazioni di una sentenza, prima di esprimere giudizi in merito?
    E’ ovvio che leggendo solo quanto riportato sul “proscioglimento per prescrizione di don Giorgio Carli in Cassazione e la conferma della condanna al risarcimento” qualche dubbio a livello di logica dovrebbe venire a chiunque.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...