Pedofilia Asilo Vallo della Lucania: Suor Soledad non sarà più l’unica imputata

di Wildgreta

Il pm aveva chiesto l’archiviazione per gli  11 indagati del secondo filone dell’inchiesta relativa alle violenze all’asilo Paolo VI di Vallo della Lucania. Gli avvocati delle 27 famiglie che avevano denunciato gli abusi dopo i racconti dei loro bambini, avevano presentato opposizione all’archiviazione. E per 4 degli indagati l’opposizione è stata accolta, la richiesta di archiviazione è stata rigettata dal Gip. Due le consorelle accusate di favoreggiamento nel depistaggio delle indagini su suor Soledad, più un fotografo e un muratore accusati di violenze sui bambini. Duro colpo per la difesa capitanata dall’avvocato Gulotta, che ha parlato (come di consueto) di “suggestione collettiva” e duro colpo anche per il criminologo Francesco Bruno che aveva ritenuto i bambini “non attendibili”.

suora

ANTONIO MANZO

Il bimbo vede il cavalletto con la macchina fotografica e si rivolge al papà e allo zio: «Questo è uguale a quello usato nella stanza dei mostri». Poi continua il racconto drammatico dei trasferimenti dall’asilo alla casa di un muratore distante poco vicino. «C’erano i mostri e ci toccavano…» dice tra l’altro il bambino. Non finisce a suor Soledad la storia dei preunti abusi all’asilo di Vallo. Anzi, si arricchisce di nuovi capitoli accusatori. Il gip Marrone rigetta la richiesta di archiviazione proposta dal pm Alfredo Greco per il secondo filone di indagine sui presunti abusi sessuali nell’asilo di Vallo della Lucania, processo per il quale è stata già rinviata a giudizio suor Soledad e che inizierà il 15 ottobre prossimo.

Il gip chiede al pm le cosiddette imputazioni coatte: nel giro di dieci giorni il pm dovrà formulare l’imputazione nei confronti di Aniello Labruna, il muratore che abita a confine con l’istituto religioso dove aveva sede l’asilo perchè «in concorso con Maria Soledad Bazan, (la suora) compiva atti sessuali con minorenni», cioè i bimbi dell’asilo, e nei confronti di Antonio Rinaldi per il reato di pornografia minorile.

Altre due imputazioni coatte il gip le ha chieste per Agnese Cafasso e Giuseppina De Paola, due consorelle di suor Soledad, per il reato di favoreggiamento (avrebbero tentato di deviare le indagini in corso a carico della suora). Il gip ha anche decretato l’archiviazione per Maria Antonietta Salerno, Antonio Scelza, Chiarina Merola, Pantaleo Rinaldi, Elisa Rinaldi, Vincenzo Puglia, Andrea Lungo e Luciano Aliberti. Per il pm titolare dell’indagine tutti gli elementi che erano stati raccolti nel secondo filone di indagine (a partire sempre dai racconti dei bambini) erano spuri e senza una pur minima credibilità indiziaria. Quindi, tanto evanescenti da non reggere in dibattimento e, soprattutto, per evitare un processo su fatti devastanti. Secondo il pm, nessun processo doveva esser fatto sul secondo filone, soprattutto dopo che lo stesso magistrato aveva disposto accertamenti a seguito delle dichiarazioni dei bambini sulla presunta casa dei mostri oggetto anche di un sopralluogo dei Ris, quella del muratore ora finito imputato coatto. Di tutt’altro avviso, il gip Marrone. Secondo il gip «non sussistono quegli elementi che consentono di ritenere le dichiarazioni dei minori frutto di una suggestione individuale o collettiva indotta loro dai genitori o dall’ambiente esterno (si consideri soltanto che la vicenda di Rignano Flaminio è esplosa a livello mediatico soltanto nell’anno 2007)». Per il gip, la stanza nella casa del muratore avrebbe ospitato incontri tra la suora e il muratore, in presenza dei bambini che hanno perfino raccontato particolari, ed anche la registrazione filmata delle violenze sui bambini stessi che sarebbero contenute in quattro cd «rinvenuti nella stanza del figlio dell’imputato recanti la dicitura “amplesso” e quella ancor più inquietante “abusi”». Suor Soledad andrà processata a partire dal 15 prossimo. È prevedibile che con lei compariranno sul banco degli imputati anche il muratore e il giovane fotografo. La religiosa è accusata di abusi e violenze su 27 bambini.

Il Mattino 15 marzo 2009

Annunci

7 thoughts on “Pedofilia Asilo Vallo della Lucania: Suor Soledad non sarà più l’unica imputata

  1. …adesso sarebbe curioso sapere la suora peruviana dov’è???…e le sue consorelle se sono mai state allontanate dai bambini in questi tre anni, giusto per precauzione!!!…se le “istituzioni” comincino a prendere coscienza della cosa gravissima che si sta consumando sotto i loro occhi, nella totale indifferenza!!!…

  2. La suora era in un convento di Roma, non so se sia ancora lì. Le due consorelle che avrebbero depistato le indagini, dovrebbero quindi non aver partecipato agli abusi, e forse le istituzioni avranno ritenuto che non siano pericolose. Però la legge ci dice che se qualcuno sa e copre chi commette abusi sessuali sui minori, può essere incriminato per lo stesso reato…e allora sarebbero guai per l’asilo Paolo VI che si vedrebbe sommergere di denunce.

  3. Resta da capire il ruolo della Curia. Mi pare che fosse stata citata come responsabile civile

  4. Già, e se poi verrà chiesto il rinvio a giudizio anche per le altre due suore, le cose si aggraveranno ulteriormente.

  5. …la curia non è stata riconosciuta responsabile civile in quanto non controlla amministrativamente l’istituto!!!…

  6. Bè, ma le suore come persone, non devono rispondere alla curia dei loro comportamenti? Comunque ho capito cosa intendi, anche a Ferrara nel caso degli abusi all’asilo, il prete è stato condannato ma contro la curia i magistrati hanno deciso di non procedere. La decisione fece scalpore, anche perchè così la curia non avrebbe dovuto risarcire i danni a nessuno.

  7. …se ti riferisci al diritto canonico, in teoria si, dovrebbero rispondere alla curia…ma si sa, viene applicato solo dove conviene…e poi vallo è fuori dalle mura del vaticano!!!…ma, quello che le famiglie si sarebbero aspettato dalla chiesa non era certo il solito silenzio!!!…silenzio che, hanno ricevuto dalle istituzioni locali…e qui fa a cazzotti con quello che avrebbero dovuto fare i servizi sociali…assenti, nonostante le famiglie avessero chiesto aiuto!!!…ricordo che a tal proposito hai scritto anche un articolo…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...