Delitti satanici, sul caso Molla proseguono le indagini

molla_3-001

Proseguono gli approfondimenti in sede giudiziaria sulla vicenda legata alla tragica fine di Doriano Molla, il giovane di Cavaria con Premezzo trovato impiccato nella valle del Boia il 27 dicembre 2000. La madre, Flaviana Cassetta, non si è mai rassegnata all’idea di un suicidio e quando è emersa la vicenda delle Bestie di satana ha pensato ad un possibile collegamento – Doriano aveva una band di amici che come lui amavano l’heavy metal, e sostiene che alcuni di loro sarebbero scomparsi prematuramente in modo sospetto.
In sede di udienza preliminare il gup Luca Labianca si era riservato ogni decisione lo scorso 3 febbraio, ma ha sciolto la riserva disponendo che il pm Baraldo, il quale in precedenza aveva chiesto l’archiviazione, riprenda le indagini. All’archiviazione si era opposto il legale della signora Cassetta, avvocato Sergio Zaro. A far cambiare le carte in tavola inducendo il gup a respingere la prima richiesta di archiviazione erano state le clamorose dichiarazioni ad un quotidiano nazionale di Mario Maccione, dal 2004 in carcere per i delitti attribuiti alle Bestie di satana, che indicava nel Molla una delle vittime del gruppo. Al pubblico ministero spetterà quindi ora ascoltarlo e stabilire se vi siano riscontri tali da poter gettare nuova luce sui fatti. Le indagini potrnano proseguire sino al 30 aprile, con eventuale possibilità di ulteriore prolungamento se ve ne fosse necessità.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...