Meredith: Sollecito, “l’errore giudiziario”, e i testimoni

MEREDITH: TESTIMONI, SENTIMMO AMANDA PIANGERE

(AGI) – Perugia, 6 feb. – Hanno sostenuto di avere appreso che Meredith era stata uccisa con una profonda ferita al collo mentre si trovavano ancora davanti al casolare di via della Pergola, Paola Grande, Luca Altieri e Marco Zaroli, i tre giovani giunti nella casa del delitto ancora prima del rinvenimento del cadavere di Mez e ascoltati oggi come testimoni davanti alla Corte d’Assise di Perugia. I tre giovani, poco dopo il ritrovamento del cadavere, sarebbero venuti a conoscenza del fatto che Meredith era stata uccisa e che aveva lottato nel tentativo di difendersi. ”Quando arrivo’ l’ambulanza – ha detto la Grande – un uomo e’ entrato in casa e, quando e’ uscito, ho sentito mentre diceva che Meredith era stata sgozzata”. La giovane ha quindi riferito che Raffaele, rivolgendosi a Luca Altieri, chiese se Meredith era morta e come era stata ammazzata. In quella circostanza la ragazza ha ricordato anche di aver sentito Amanda piangere.

Resoconto udienza 6 febbraio 2009. Tutti gli articoli

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...