Perugia: oggi in aula la ricostruzione del rinvenimento di Meredith

Ecco come fu scoperto il corpo di Mez
Domani in aula la ricostruzione
PERUGIA – Due telefoni cellulari di Mez abbandonati in un giardino, la porta aperta della casa e una finestra rotta notate da Raffaele Sollecito e Amanda Knox, poi il corpo della giovane inglese trovato in camera sua: sono gli elementi dai quali è partita il 2 novembre del 2007 l’indagine sull’omicidio di Meredith Kercher. Domani saranno ricostruiti nella seconda udienza del processo al giovane pugliese e alla sua ex fidanzata americana attesi di nuovo in aula.

Dopo le schermaglie preliminari del 16 gennaio, il procedimento entra nel vivo con la deposizione dei primi testimoni d’accusa. Nove quelli chiamati a deporre domani davanti alla Corte d’assise di Perugia dai pm Giuliano Mignini e Manuela Comodi che hanno coordinato l’inchiesta della polizia. I magistrati intendono così ripercorrere passo passo, dall’inizio, l’intera inchiesta. A cominciare dagli accertamenti sui due telefoni cellulari in uso alla vittima (uno con scheda inglese e l’altro con la sim italiana intestata a una sua coinquilina) trovati proprio la mattina del 2 novembre nel giardino di un’abitazione di via Sperandio, non lontano da via della Pergola dove si trova il casolare teatro dell’omicidio. Per quella che si è poi rivelata solo una coincidenza, alla proprietaria di quella casa la sera prima era giunta una telefonata che annunciava la presenza nel bagno di una bomba, uno scherzo hanno accertato gli investigatori. Così quando i telefoni di Mez vennero trovati nel giardino furono subito affidati alla polizia postale e due agenti si recarono in via della Pergola per riconsegnarli. Domani saranno entrambi sentiti dalla Corte d’assise così come la donna e i suoi due figli. Dal verbale redatto dall’ispettore e dall’assistente capo della polizia postale emerge che i due giunsero alla casa alle 12.35 trovando già lì Sollecito e la Knox (che viveva lì insieme alla vittima e a due italiane), i quali riferirono di avere già chiamato i carabinieri ritenendo che qualcuno fosse entrato in casa da una finestra trovata con il vetro rotto (secondo i pm si è trattato, invece, di un tentativo di sviare le indagini da parte degli imputati processati anche per simulazione di reato). Poco dopo arrivarono una delle coinquiline italiane (che aveva trascorso fuori la notte precedente mentre la quarta non era proprio a Perugia), una sua amica e i loro fidanzati. I quattro, tra domani e sabato, ricostruiranno quei momenti davanti ai giudici perugini.

Dall’indagine è comunque emerso che proprio la giovane verificò come dalla sua camera non mancasse nulla e insieme agli altri si accorse della porta della camera di Mez chiusa a chiave. E fu sempre lei a far notare che la giovane inglese non si separava mai dai suoi telefoni cellulari per essere sempre rintracciabile dalla madre, malata. Dal verbale degli agenti della postale emerge che la porta della camera di Meredith venne abbattuta verso le 13.15. “L’interno veniva trovato completamente a soqquadro, – scrivono gli investigatori – con un’ingente quantità di sangue a terra e numerose macchie sul muro, da una trapunta al centro della stanza si scorgeva un piede, venivano anche notati un paio di jeans e gli indumenti intimi sparsi sul pavimento”. Momenti che saranno ricostruiti in aula tra domani e sabato quando è prevista tra l’altro la deposizione del giovane italiano fidanzato di Mez.

Gazzetta del Mezzogiorno 5/2/2009

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...