Arrestato l’ex boss della banda della Magliana, Maurizio Abbatino

E’ tornato in carcere Maurizio Abbatino, fondatore con Franco Giuseppucci ed Enrico De Pedis, detto “Renatino”, della Banda della Magliana, la piu’ potente organizzazione criminale sia mai esistita a Roma. Una holding non strutturata in maniera verticistica ma costituita da gruppi pariordinati, alla quale nel corso degli anni sono stati attribuiti legami con Cosa Nostra, la camorra, la ‘ndrangheta, ma anche con Licio Gelli e la Loggia P2, l’estrema destra eversiva, i servizi segreti, settori ‘deviati’ della finanza vaticana.

Un gruppo criminale il cui nome peraltro è stato tirato in ballo nelle indagini riguardanti quasi tutti i grandi misteri italiani: dall’omicidio Pecorelli al caso Calvi, fino ai depistaggi nell’inchiesta sulla strage alla stazione di Bologna e alla scomparsa di Emanuela Orlandi.

Abbatino, famoso come ‘Crispino’, e’ uno dei tre appartenenti al nucleo originale della Banda, insieme a Giuseppucci, detto prima ‘er Fornaretto’ e poi ‘er Negro’, e a ‘Renatino’ . I tre, nel 1976, costituiscono un primo sodalizio di rapinatori, al quale si aggiungono man mano criminali che operano fuori dalla Magliana, in altre zone della Capitale, fino a formare un’organizzazione che pian piano si trasforma in una vera e propria holding del crimine che ha l’obiettivo di controllare tutti i traffici che passano per Roma.

La storia della Banda
Con l’omicidio di Giuseppucci, avvenuto a Piazza San Cosimato il 13 settembre 1980, la Banda si divide in due gruppi, i Testaccini di Danilo Abbruciati e De Pedis, e quelli della Magliana guidati proprio da Abbatino. Ma a quel punto, tra guerre intestine e controffensiva della magistratura, il declino della Banda e’ gia’ iniziato. Abbatino prima scappa, poi, dopo un lungo periodo di latitanza, cominciato nel dicembre del 1986, viene arrestato a Caracas, in Venezuela, il 24. Abbatino era sottoposto al progrmma specialae per i collaboratori di giustizia.

Il provvedimento, che sospende gli arresti domiciliari a cui era sottoposto il collaboratore, arriva alla vigilia di un nuovo processo in cui Abbatino è imputato per diffamazione ai danni dell’ex questore Pompò per alcune affermazioni rilasciate nel corso dell’intervista del 7 novembre 2005 a “Chi l’ha visto?”, la cui prima udienza e’ fissata per il 5 dicembre prossimo.

STAMPA | SEGNALA LA NOTIZIA | CONDIVIDI Alle 00:07 del 29 novembre 2008
la nostra prima pagina è:
Ancora battaglia al Taj Mahal, terroristi asserragliati. 6 morti al centro ebraico
Mumbai | 28 novembre 2008
Vento pioggia e neve, la Protezione civile: non mettetevi in viaggio, disagi anche in mare
Milano, 28 novembre 2008 07:26
Studenti ancora in piazza, irruzione alla Sapienza. Sì del Senato al DL Gelmini
Roma, 28 novembre 2008 11:56
Sparatoria a Napoli, ferita una passante
Napoli, 28 novembre 2008 18:43
Il termine “Morti bianche” edulcora, sminuisce una vergogna nazionale
Roma, 28 novembre 2008 13:57
,

Rai News 24

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...