Meredith, ultime battute: Raffaele scarica Amanda

Difesa Sollecito: sul gancetto del reggiseno di Mez ci sono tracce di Dna non solo di Raffaele ma anche di Amanda e Rudy.
Al via le repliche delle parti Attesa per la sentenza di Guede
Al via la replica dei pm, le contro-repliche delle parti civili e delle difese dei tre imputati per l’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, che di fatto precedono il verdetto del rito abbreviato per Rudy Guede e la decisione sul rinvio a giudizio di Amanda e Raffaele

Il gioco al massacro tra le difese dei tre imputati rafforza l’impianto accusatorio. E quindi l’accusa ribadirà: è stata Amanda a sgozzare Mez e Rudy – che ha tentato di violentarla – e Raffaele hanno bloccato la studentessa inglese.

GUIDO RUOTOLO, INVIATO A PERUGIA
In quello che è sempre stato un processo mediatico, fino alla fine si consumano colpi di scena a ripetizione. Anche a poche ore dalla decisione (domani pomeriggio) del gup Paolo Micheli sui destini di Amanda, Raffaele e Rudy.

L’ultimo effetto speciale è un colpo basso della difesa di Raffaele Sollecito contro Amanda Knox. Ed è stato sferrato con una perizia depositata l’altro giorno dal professor Francesco Vinci che si spinge laddove la Scientifica non era arrivata: sul gancetto del reggiseno di Mez ci sono tracce di Dna non solo di Raffaele ma anche di Amanda e Rudy.

Un colpo di scena ad effetto speciale. Davvero, perché non consente neppure al gup di approfondire la novità, non potendo nominare un perito o riconvocare, a questo punto, la dottoressa Patrizia Stefanoni della Scientifica che, nell’udienza del 4 ottobre, aveva risposto a tutti i dubbi e le perplessità delle difese sui Dna e le impronte identificate nella casa di Amanda e Mez.

Il professore Francesco Vinci, in 14 pagine, arriva a questa conclusione: «Attesa l’estrema complessità interpretativa della traccia in oggetto (il Dna di Raffaele sul gancetto del reggiseno; ndr) che risulta costituita da una mistura di diversi Dna, ove oltre a una componente maggiore (quella della vittima) esistono altre componenti minori maschili e femminili (a loro volta presenti in concentrazioni differenti), è quindi impossibile o quanto meno estremamente aleatoria una univoca interpretazione, pertanto è da ritenersi che questa traccia non sia assolutamente utilizzabile ai fini probatori». Va detto che nelle pagine precedenti della sua perizia, Vinci identifica in Rudy e Amanda le altre presenze di Dna.

Oggi, nella sua replica, l’avvocato Giulia Bongiorno sosterrà, per contestare ulteriormente la «verità» della Scientifica, e cioè l’individuazione del Dna di Raffaele sul gancetto, l’unica traccia di una sua presenza sulla scena del crimine – evidentemente consapevole che non è sufficiente, per convincere il gup, la parola d’ordine della «contaminazione ambientale non volontaria» – parlerà di «metodo assassinocentrico» adottato dalla Scientifica. Il cosiddetto metodo «Random man not excluded» riconoscerebbe come compatibili tutti i profili di Dna già individuati. Non solo: in molti Stati americani, secondo la difesa, questo metodo è stato abbandonato perché considerato inattendibile.

Insomma, la difesa di Sollecito si giocherà il tutto per tutto, per tentare di ribaltare l’esito della decisione. Ma quello del gancetto non è il solo colpo basso degli avvocati di Raffaele, che hanno marciato uniti con quelli di Amanda per scaricare tutte le responsabilità della morte di Mez su Rudy Guede. Nella sua arringa difensiva di venerdì, l’avvocato Giulia Bongiorno aveva escluso che le impronte del piede destro trovate nel corridoio della casa fossero quelle di Raffaele – e neppure di Rudy, visto che sue erano soltanto le impronte della scarpa sinistra -, lasciando così intendere che anche per la lunghezza dell’impronta diversa da quella di Raffaele e Rudy, si doveva guardare altrove, insomma ad Amanda.

E a questo punto, la stessa accusa (i pm Comodi e Mignini) non potrà che riconfermare puntualmente le sue tesi, nella replica che svolgerà questa mattina. Perché, oggettivamente, il gioco al massacro tra le difese dei tre imputati rafforza l’impianto accusatorio. E quindi l’accusa ribadirà: è stata Amanda a sgozzare Mez e Rudy – che ha tentato di violentarla – e Raffaele hanno bloccato la studentessa inglese.

Strano questo «rito» perugino. Tutti contro tutti. La difesa di Guede, per esempio, sostiene che Rudy ha sentito l’urlo di Mez ed entrando nella sua stanza si è trovato a respingere l’aggressione di un uomo, mai identificato, e alla fine delle sue dichiarazioni a pillole ha detto di aver sentito la voce di Amanda e visto la sua ombra sulla porta di casa. Eppure i suoi legali hanno accusato Raffaele e Amanda di aver ucciso Mez. Un altro tentativo disperato di difesa. Secondo alcuni legali, infatti, loro non potevano fare questa invasione di campo così pesante. Avendo scelto il rito abbreviato, dovevano limitarsi a difendere Rudy. Era una scommessa quella accettata dal gup Micheli: celebrare il processo contro Rudy e, contemporaneamente, svolgere l’udienza preliminare sulla richiesta di rinvio a giudizio di Amanda Knox e Raffaele Sollecito. Il comportamento dei legali di Rudy, sostengono le altre difese, è stato scorretto, e, forse, ha superato il limite della deontologia professionale.

La Stampa 27 ottobre 2008

IL DELITTO DI MEREDITH
Al via le repliche delle parti Attesa per la sentenza di Guede
Al via la replica dei pm, le contro-repliche delle parti civili e delle difese dei tre imputati per l’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, che di fatto precedono il verdetto del rito abbreviato per Rudy Guede e la decisione sul rinvio a giudizio di Amanda e Raffaele

Perugia, 27 ottobre 2008 – Oggi è il giorno delle contro-repliche, che di fatto precedono il verdetto per il rito abbreviato per Rudy Guede e le decisione sul rinvio a giudizio di Amanda Knox e Raffaele Sollecito. I difensori del ragazzo pugliese hanno detto di non aver cambiato strategia e di puntare anche questa volta sulla contaminazione della presunta prova pricipale contro Raffaele: il reggiseno di Meredith, strappato secondo la Procura dai killer.”Sosteniamo da sempre – spiega l’avvocato Giulia Bongiorno – che il dna non sia di un singolo profilo genetico ma una mistura alimentata da una contaminazione in laboratorio (ovviamente involontaria) ma non utilizzabile processualmente”. L’avvocato Bongiorno aggiunge che le analisi del Dna sembrano seguire l’unica teoria dei Pm.

L’avvocato Nicodemo Gentile intanto, entrando in aula ha detto: ”A noi interessano gli atti del giudizio e questi dicono che gli assassini sono Amanda e Raffaele”. ”Quello che fanno gli avvocati di Sollecito – ha affermato il legale – non ci interessa. Noi abbiamo il nostro abbreviato e i nostri atti”. Secondo l’avvocato Walter Biscotti, altro difensore di Guede, la consulenza depositata dai legali del giovane pugliese ”suscita sicuramente un po’ di attenzione. Adesso vediamo – ha aggiunto – in che modo sarà argomentata in aula e quindi vedremo come
replicare”.

Ha preso invece atto dei risultati degli esami l’avvocato Luciano Ghirga, uno dei difensori di Amanda Knox. ”Non dobbiamo difenderci dai marcatori del cromosoma Y” si è limitato a dire il legale prima di entrare in aula.

 

La Nazione 27 ottobre 2008

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...