Abusi sulle tre sorelline di Amandola, altre due condanne. I giudici credono alle bambine

Il gup emette altre due condanne
Dopo la condanna inflitta a tre dei sette indiani accusati di abusi su una delle bambine, nuove sentenze a carico di Antonio Ruggiu, 69 anni, pensionato, e Zyber Kuljxhu, 44enne albanese

di Wildgreta

Non è bastato il tentativo dei legali di Antonio Riggiu di screditare le tre bambine. La bizzarra teoria del perito incaricato di valutare l’ttendibilità delle tre ragazzine (bambine all’epoca dei fatti), secondo il quale le tre bambine avrebbero potuto aver confuso la realtà con la fantasia, visto il loro terribile contesto familiare, non ha convinto i giudici che hanno condannato Riggiu e Zyber Kuljxhu, rispettivamente a 7 e 10 anni di reclusione che, grazie al rito abbreviato, verranno ridotti di un terzo. Avevo già scritto delle teorie di alcuni cosiddetti “esperti di fama mondiale” csecondo i quali i bambini mentono sempre, oppure si confondono, oppure vengono condizionati dall’esterno a ripetere a memoria storie mai vissute. Sono contenta che i giudici abbiano creduto alle tre sorelline, anche se questo non restituirà loro l’infanzia.

articoli sul caso:

Abusi sulle tre sorelline di Amandola condannati tre indiani

https://wildgreta.wordpress.com/2008/10/06/pedofilia-un-perito-che-ritiene-i-bambini-sempre-non-attendibili-e-attendibile/

Ascoli, 15 ottobre 2008 – Continua il processo per la vicenda delle tre sorelline di Amandola, coinvolte in un giro di pedofilia che nel 2007 ha portato in carcere undici persone. Dopo la condanna inflitta a tre dei sette indiani accusati di aver abusato sessualmente e ripetutamente di una delle tre sorelline, il gup del Tribunale di Ascoli, Alessandra Panichi, ha emesso altre due condanne.La sentenza è stata pronunciata a carico di Antonio Ruggiu, 69 anni, pensionato di origine sarda residente a Santa Vittoria in Matenano, e Zyber Kuljxhu, albanese, 44 anni, residente ad Amandola. Ai due sono stati inflitti rispettivamente sette anni di carcere, ridotti a 4 anni e sei mesi grazie allo sconto del rito abbreviato, e 10 anni e 6 mesi, ridotti a sette anni, oltre ad una multa di 20.000 euro.

Entrambi si trovano da qualche tempo agli arresti domiciliari. I due imputati dovevano rispondere della medesima accusa: atti sessuali con soggetti inferiori a 16 e 14 anni (l’età delle due sorelle maggiori, coinvolte in questa parte della vicenda, all’epoca dei fatti, a cavallo di Capodanno 2007). Oltre a questo l’albanese doveva però rispondere anche di induzione alla prostituzione. Il gup ha accolto in pieno la richiesta del pm Umberto Monti per Kuljxhu, mentre ha ridotto la condanna di due mesi per Ruggiu.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...