Pedofilia/ Decine perquisizioni in tutta Italia, 32 indagati.

In ‘stanze di chat’ si scambiavano file pedopornografici
postato 2 ore fa da APCOM

Roma, 26 set. (Apcom) – Maxi operazione contro la pedopornografia della Polizia delle Comunicazioni di Bologna in 12 regioni italiane dove la polizia ha eseguito decine di perquisizioni domiciliari nei confronti di 32 persone responsabili di detenzione e divulgazione di materiale informatico, immagini e video, prodotti mediante lo sfruttamento sessuale di minori. All’identificazione dei pedofili si è giunti grazie a una delicata attività sotto copertura operata dagli investigatori della Polizia delle Comunicazioni di Bologna, effettuata all’interno di alcune particolari “stanze di chat” internet, nelle quali gli indagati si incontravano per scambiarsi i file illegali oggetto delle indagini.

L’operazione ha permesso di sequestrare una ingente mole di materiale informatico a contenuto pedo-pornografico tuttora al vaglio degli inquirenti. Le regioni italiane interessate, oltre l’Emilia Romagna, sono 12: Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Annunci

2 thoughts on “Pedofilia/ Decine perquisizioni in tutta Italia, 32 indagati.

  1. ciao, ti segnalo su Il Mattino cronaca di Salerno di oggi, pag. 47
    Violentò la figliastra: dodici anni di carcere….un dramma talmente crudo che ha segnato anche i magistrati e l’avvocato della difesa …violenze sessuali perpetuate anche quotidianamente e che dureranno 14 anni….la madre sapeva!!!….

    …per quanto tempo ancora, i nostri figli dovranno subire il silenzio omertoso degli adulti???…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...