Omicidio Meredith, “Dna sul reggiseno? La nostra verità” I legali di Sollecito:”Relazione choc”

IL DELITTO DI MEZ

“Raffaele è molto fiducioso. Sa che presto riusciremo a dimostrare la sua assoluta estraneità al delitto di Meredith Kercher”. Queste le parole dell’avvocato Luca Maori che ha annunciato le ‘controprove’ che porterà (con i colleghi Giulia Bongiorno e Marco Brusco) al giudice Paolo Micheli nel corso della seconda tranche dell’udienza preliminare fissata per la fine della prossima settimana

Perugia, 19 settembre 2008 – “Raffaele è molto fiducioso. Sa che presto riusciremo a dimostrare la sua assoluta estraneità al delitto di Meredith Kercher”. Il ‘presto’ cui fa riferimento l’avvocato Luca Maori è sabato prossimo. Così, il legale che difende l’ingegnere di Giovinazzo annuncia le ‘controprove’ che porterà (con i colleghi Giulia Bongiorno e Marco Brusco) al giudice Paolo Micheli nel corso della seconda tranche dell’udienza preliminare fissata per la fine della prossima settimana.”I nostri periti, con analisi tecnico-scientifiche, dimostreranno l’assoluta giustezza delle nostre tesi riguardo al dna di Raffaele che secondo la procura sarebbe stato trovato sul reggiseno di Meredith – spiega Maori -. Non abbiamo intenzione di anticipare nulla. Anche perché, per ragioni di correttezza, è opportuno che il primo a conoscere le nostre conclusioni sia proprio il gup. Ma stiamo lavorando intensamente anche su altri fronti. Il super-testimone albanese? E’ talmente evidente l’assurdità della sua deposizione che quasi non sarà necessario sottolinearne le contraddizioni”.

Seppur da fronti decisamente opposti, sembrano concordare con questa tesi anche i legali che difendono Rudy Hermann Guede: “Siamo convinti – spiega l’avvocato Nicodemo Gentile che assiste il cestista ivoriano con il collega Valter Biscotti – di poter smontare la testimonianza di Kokomani con relativa facilità e con essa dimostrare che non esiste il concorso tra gli indagati”.

Lo stesso giudice Paolo Micheli, se non lo avessero fatto le difese, avrebbe chiesto di sentire il super-testimone: “… è la principale se non unica fonte di prova a sostegno di un collegamento fra i tre imputati – scrive il giudice nel provvedimento con il quale accoglie la richiesta – e la circostanza secondo cui i tre vennero visti insieme, appunto dal Kokomani, in prossimità dell’abitazione che fu teatro del delitto, risulta di essere di estrema importanza”. Ma il gup Micheli nell’udienza di martedì si è pronunciato anche sulla genericità del capo d’imputazione, in seguito a un’eccezione presentata dall’avvocato Giulia Bongiorno, del collegio difensivo di Sollecito.

Il giudice ha sottolineato come “la rubrica è formulata con chiarezza e indica i tre imputati come corresponsabili della condotta complessivamente descritta attraverso una narrazione dei fatti che ricostruisce l’episodio criminoso nella sua interezza e, necessariamente, omettendo una descrizione analitica del contributo causale ascrivibile a ciascuno dei partecipanti, rende chiaro che tutti i pervenuti sono chiamati a rispondere del fatto così come interamente contestato”. Almeno in questa fase, insomma, non è necessario sapere chi ha fatto cosa. Piuttosto, è sufficiente avere la certezza della ‘partecipazione’.

“Del resto – continua il giudice Micheli – secondo la giurisprudenza consolidata della suprema Corte, è necessaria la specifica indicazione del tipo di contributo riferibile a ciascuno solo ove si tratti di distinguere tra contributo materiale o contributo psicologico: pertanto, in assenza di siffatta specificazione – conclude il gup Micheli -, deve ritenersi che secondo il pubblico ministero ciascuno degli imputati abbia materialmente concorso alla realizzazione dei fatti”.

Annalisa Angelici
LA NAZIONE 18 SETTEMBRE 2008

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...