Archivio | settembre 2008

Omicidio Poggi/ Procuratore: nessuna data per chiusura indagine

Avvocato accusa: termini mai perentori

Milano, 30 set. (Apcom) – “Non so dove abbiano preso le loro informazioni, a me non risulta niente, ufficialmente non esiste nulla”. E’ quanto afferma laconicamente ad Apcom il procuratore capo di Vigevano Alfonso Lauro in merito alle indiscrezioni di stampa sul possibile deposito nelle prossime ore della notifica di chiusura dell’inchiesta sull’omicidio di Chiara Poggi, uccisa a Garlasco il 13 agosto 2007. Per il provvedimento Lauro non vuole indicare date precise.Anche l’avvocato Giuseppe Colli, che con il collega Angelo Giarda difende Alberto Stasi, ex fidanzato della Poggi e unico indagato, spiega di non essere al corrente su una prossima chiusura dell’indagine. “Non mi risulta nulla, certo siamo fiduciosi che al più tardi entro ottobre la Procura ci consegni la notifica” afferma ad Apcom Colli, augurandosi che “la Procura opti per l’archiviazione diretta di Stasi, facendo proprio la memoria che abbiamo recentemente depositato”.

“Teoricamente la chiusura delle indagine poteva avvenire il 15 settembre scorso, ma calcolando un mese di chiusura estiva della Procura, si arriva a metà ottobre” spiega ad Apcom Gianluigi Tizzoni, legale della famiglia Poggi, sottolineando che però “i termini non sono mai perentori”. “Aspetto con fiducia le prossime evoluzioni senza però continuare a domandarmi e a domandare alla Procura della Repubblica, per altro sempre precisa e puntuale, quando comunicherà questo provvedimento”.

Le indagini sull’omicidio avvenuto nella villetta della famiglia Poggi in via Pascoli a Garlasco (Pavia) sono coordinate dal pm Rosa Muscio. Secondo diversi commentatori è probabile che la Procura si appresti, dopo la chiusura indagine, a chiedere il rinvio a giudizio per Alberto Stasi.

Paolo Onofri lascia l’Ospedale

Sarà trasferito nel centro di riabilitazione “Cardinal Ferrari” di Fontanellato, in provincia di Parma
Paolo Onofri – padre del piccolo Tommaso ucciso nel marzo 2006 – sarà trasferito domani nel centro di riabilitazione “Cardinal Ferrari” di Fontanellato, in provincia di Parma. L’uomo, colpito da infarto lo scorso 11 agosto ed oggi ricoverato nel reparto di lungodegenza dell’Ospedale Maggiore di Parma, arriverà nella struttura specialistica domani mattina e sarà subito sottoposto ai primi test medici per valutare le sue condizioni. Servirà comunque qualche giorno per stabilire il percorso riabilitativo dell’uomo. Il centro del parmense è uno dei primi a livello europeo per la riabilitazione delle cerebrolesioni acquisite. Dotato di una equipe di 127 operatori sanitari, la struttura ha ospitato nel 2007 347 pazienti in regime ordinario e 78 in Day Hospital per un totale di 31.800 giornate di riabilitazione erogate. Domani, al suo arrivo a Fontanellato, Paolo Onofri sarà sottoposto a visita medica e verrà indirizzato in una delle quattro aree funzionali in cui è suddiviso il centro (La Repubblica Parma 29 settembre 2008)

Spaccio, Azouz Marzouk patteggia 13 mesi. Poi verrà espulso

 29 settembre 2008 – 16.30

Azouz Marzouk patteggerà tredici mesi di reclusione e al termine dell’espiazione della pena sarà espulso dall’Italia. Il tunisino, che nella strage di Erba ha perso la moglie Raffaella Castagna e il figlio Youssef, era stato arrestato il primo dicembre dello scorso anno con l’accusa di aver spacciato stupefacenti, almeno 360 volte, prima e dopo l’omicidio di Erba. Continua a leggere

MEREDITH: CRONACA TERZA UDIENZA

LA TERZA GIORNATA
Nuova istanza presentata dai difensori si Sollecito
Il giudice si è riservato di decidere sulla richiesta dei difensori del giovane pugliese di avere a disposizione ulteriori elementi per valutare le procedure in base alle quali è stato individuato il Dna di Raffaele Sollecito su un frammento del reggiseno di Meredith Kercher
Continua a leggere

Carmela, 13 anni: violata dagli..”uomini” e uccisa dallo Stato

Il 1° ottobre alle ore 9 presso il Tribunale dei Minori in Taranto vecchia, si tiene la prima udienza del processo contro i responsabili dello stupro di gruppo che subì Carmela , una ragazzina di 13 anni che il 15 aprile 2007 morì buttandosi dal balcone.

dal sito: http://blog.libero.it/Iosocarmela/

Circa 18 mesi fa, Carmela volava via, dal settimo piano di un palazzo a Taranto, dopo aver subito violenze ed abusi, ma soprattutto dopo essere stata tradita proprio da quelle istituzioni a cui si era rivolta per denunciare e chiedere aiuto.Per dare giustizia e un senso al suo sacrificio e affinchè non vi siano più altre “Carmele”, nasce l’associazione in suo onore e memoria “IoSòCarmela”, come la frase che lei stessa ripeteva sempre e scriveva dappertutto per urlare a tutti il suo diritto di esistere e di essere rispettata. Continua a leggere

Delitto Meredith, imputati di nuovo in aula. Presenti anche due testimoni

PERUGIA (27 settembre) – Raffaele Sollecito, Amanda Knox e Rudy Guede di nuovo in aula questa mattina davanti al Gup di Perugia Paolo Micheli, dove riprende il processo con il rito abbreviato all’ivoriano per l’inchiesta sull’omicidio di Meredith Kercher. Continua a leggere

Tommy, Paolo Onofri trasferito in lunga degenza

Note: L’articolo del gennaio 2009 su Paolo Onofri è qui.

Dopo oltre un mese dall’infarto che lo ha colpito mentre si trovava in ferie a Folgaria, il papà di Tommy non è più in rianimazione. Rinviata l’udienza del processo per calunnia a Barbera
Paolo Onofri è stato spostato in lunga degenza. A volte apre gli occhi, qualche accenno di movimento ma nulla più. Dopo oltre un mese di coma le condizioni del papà di Tommy sono stazionarie dopo l’infarto che lo ha colpito l’11 agosto mentre si trovava in ferie a Folgaria vicino a Trento. Continua a leggere