Papa in Australia, direttore sala stampa vaticana sulla pedofilia:”Parlare di scuse è eccessivo”

FIGLIE ABUSATE DA PRETE, GENITORI VOGLIONO UDIENZA PAPA.

di Wildgreta

Vogliono incontrare il Papa perchè si scusi con loro per gli abusi subiti da tutte e due le loro figlie da parte di un sacerdote in Australia. Una è morta suicida, l’altra ha subito danni cerebrali e fisici in un incidente d’auto avvenuto perchè dipendente da alcol. Anche gli australiani avevano chiesto al Papa le scuse della Chiesa e la notizia che queste scuse sarebbero state presentate dal papa , era rimbalzata sui giornali di tutto il mondo. Ma mercoledi’ il direttore della sala stampa, padre Federico Lombardi, ha precisato che il tema sara’ trattato ma che parlare di “scuse”, come hanno scritto i giornali, e’ eccessivo. Ha ragione padre Lombardi, parlare di scuse è eccessivo, meglio una pacca sulla spalla, meglio prenderla come con il gratta e vinci: “ritenta, sarai più fortunato”. Intanto, ‘Broken Rites’, un gruppo d’aiuto alle vittime di abusi sessuali commessi in seno alla Chiesa, ha deciso di manifestare insieme all’organizzazione ‘No al Papa’, nella manifestazione organizzata sabato contro le posizioni della Santa Sede in tema di omosessualita’, aborto e Aids. Sabina Guzzanti non sarà là, così si potrà parlare seriamente di un tema che dovrebbe essere oggetto di una discussione seria anche in Italia.

Emma e’ morta suicida all’inizio dell’anno perche’ non riusciva a reggere la vergogna dell’abuso subito da piccola da parte di un prete. La sorella Katie, anche lei violentata a piu’ riprese dallo stesso sacerdote, cadde nella dipendenza dell’alcool e nel 1999 subi’ un incidente d’auto che le ha lasciato gravissimi danni cerebrali e fisici. I genitori delle due ragazze, Anthony e Christine Foster, sono a Sydney -giunti dall’Europa, dove risiedono attualmente- perche’ vogliono incontrare papa Benedetto XVI, essere ricevuti in udienza e sentirsi chiedere scusa per gli abusi subiti delle due piccole.
Il sacerdote Kevin O’Donnell, che abuso ripetutamente di Emma e Katie Foster quando le piccole frequentavano una scuola a Melbourne, e’ morto nel 1997 dopo aver trascorso molto tempo in carcere proprio per i ripetuti abusi sessuali. La famiglia Foster ha gia’ rifiutato un accordo extragiudiziale di 50.000 dollari australiani, offerto dall’allora arcivescovo di Melbourne, oggi leader della chiesa cattolica australiana, George Pell. Il Papa, che terminera’ la visita domenica prossima, aveva affermato -sull’aereo in volo da Roma verso Sydney- che in Australia, esattamente come aveva fatto nel viaggio in Usa, avrebbe chiesto scusa per gli abusi sessuali di cui si erano macchiati i sacerdoti cattolici in Australia. Ma mercoledi’ il direttore della sala stampa, padre Federico Lombardi, ha precisato che il tema sara’ trattato ma che parlare di “scuse”, come hanno scritto i giornali, e’ eccessivo. Intanto l’organizzazione ‘Broken Rites’, un gruppo d’aiuto alle vittime di abusi sessuali commessi in seno alla Chiesa, ha deciso di manifestare insieme all’organizzazione ‘No al Papa’, nella manifestazione organizzata sabato contro le posizioni della Santa Sede in tema di omosessualita’, aborto e Aids. ((AGI) – Sydney, 16 lug.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...