Processo ex cappellano ospedale Imperia: chiesti due rinvii a giudizio per favoreggiamento

Imperia: Prete pedofilo, chiesti due rinvii a giudizio

Il Pm Maria Paola Marrali ha depositato due istanze di rinvio a giudizio nei confronti dei fiancheggiatori del presunto prete-pedofilo Don Francesco Di Rienzo, l’ex cappellano dell’ospedale di Imperia denunciato dalla madre di un ragazzino di 12 anni perchè sembra avesse provato ad avvicinare in maniera compromettente il giovane durante un passaggio offertogli in macchina.

Il bambino raccontò tutto a casa e per il prete scattò, lo scorso Dicembre, una denuncia per abusi sessuali. Mentre è in corso un incidente probatorio sul ragazzino per verificare l’attendibilità delle pesanti accuse formulate, della divulgazione delle indagini nei confronti di Don Di Rienzo, che appartiene ai Padri Camilliani, furono successivamente accusati un poliziotto che spesso era di servizio presso il posto di polizia del nosocomio imperiese, Federico Licciardello (difeso dall’Avv. Renato Giannelli) ed un medico dell’ospedale, il Dott. Francesco Bianchi, i cui interessi sono tutelati dall’AVv. Erminio Annoni.

Per loro la Dott.sa Marrali ha chiesto il processo con l’accusa di favoreggiamento, comportamento in questo caso derivante dalla palese violazione di un segreto d’ufficio.
Francesco Parrella
Martedì 08 Luglio 2008 ore 15:59

Favoreggiamento a un sacerdote: in due dal giudice

Federico Licciardello e Francesco Bianchi, il poliziotto e il medico che informarono padre Di Rienzo di un’indagine di polizia a suo carico, compariranno davanti al Gup, Domenico Varalli, il prossimo 29 ottobre, data in cui si svolgerà l’udienza preliminare.

Entrambi sono accusati dal pm Maria Paola Marrali del reato di favoreggiamento nell’ambito della scabrosa e delicata inchiesta che lo stesso pm sta svolgendo nei confronti di padre Francesco, l’ex cappellano dell’ospedale di Imperia, sospettato di abusi sessuali, in particolare di aver toccato nelle parti intime un adolescente, accusa sempre respinta dal sacerdote, appartenente all’ordine dei Camilliani, ora trasferito a Torino.

Il Pm ha contestato a Licciardello (difeso dall’avvocato Renato Giannelli) e a Bianchi (i suoi interessi sono invece tutelati dall’avvocato Erminio Annoni), di aver fatto sapere al religioso che sul suo conto erano in corso accertamenti. Secondo il sostituto procuratore Marrali, Federico Licciardello, una cariera da poliziotto lunga 35 anni, avrebbe sbirciato tra le carte negli uffici di piazza Duomo per verificare l’esistenza di un’indagine a carico del prete e riferito la notizia al medico di fiducia di padre Francesco, che a sua volte avrebbe informato il diretto interessato. Il quale, qualche giorno dopo, durante la celebrazione della messa nella cappella dell’ospedale aveva annunciato che presto sarebbe andato via da Imperia a causa di voci sul suo conto messe in giro ad arte da qualcuno che stava complottando alle sue spalle.

La “fuga” di notizie, avrebbe ovviamente compromesso l’indagine condotta dagli uomini della squadra mobile diretti dal commissario Raffaele Mascia e vanificato le intercettazioni telefoniche in atto che da quel momento avrebbero perso consistenza.

Se l’indagine sui due amici del sacerdote è conclusa ed entrambi sono in attesa di sapere che cosa deciderà il gup nell’udienza di fine ottobre, i periti stanno verificando l’attentibilità e la capacità di narrare i fatti del ragazzino che sarebbe stato oggetto delle attenzioni dell’ex cappellano del nosocomio del capoluogo.

E’ infatti in corso l’incidente probatorio chiesto dalla difesa del padre camilliano (lo tutela l’avvocato Carlo Fossati) che ha lo scopo di accertare quanto il minore, un ragazzino undicenne, sia in grado di spiegare i fatti che la scorsa estate aveva raccontato alla madre. Appreso che il figlio, sarebbe stato toccato nelle parti intime dal sacerdote la donna si era rivolta alla polizia. La sezione delle squadra mobile specializzata nei casi di violenza aveva avviato l’indagine che l’intervento di Licciardello e Bianchi ha molto probabilmente interrotto prima che potessero venire falla luce ulteriori riscontri in merito ad altri eventuali episodi di molestie.

Il Secolo IXX IMPERIA

Annunci

One thought on “Processo ex cappellano ospedale Imperia: chiesti due rinvii a giudizio per favoreggiamento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...