Caso Emanuela Orlandi. Adesso spuntano pure teschi e scheletri a Torvaianica

Domenica 29 Giugno 2008 07:49
Roma – La superteste Sabrina Minardi ha dichiarato che il cadavere di Emanuela Orlandi sarebbe stato portato in un sacco della spazzatura a Torvaianica da De Pedis e dal suo autista e buttato in un camion-betoniera, parcheggiato vicino ad un forno. Due anni fa, durante il corso di alcuni lavori edilizi, una ruspa fece emergere alcuni teschi e scheletri dal sottosuolo. I resti furono prelevati e depositati nell’Istituto di medicina legale di Tor Vergata. Ora, magistrati e investigatori vorranno vederci chiaro e ordineranno un’analisi completa di quel materiale organico, con la speranza di scoprire se appartengano alla ragazza rapita. Anche in questo caso, i riscontri effettuati sui luoghi esattamente definiti dalla Minardi sembrano combaciare. Il camion-betoniera esiste effettivamente e il suo proprietario, rintracciato in questi giorni, ha confermato che lo parcheggiava proprio nel luogo indicato dalla superteste. Ha comunque aggiunto di non avervi mai trovato un cadavere chiuso in un sacco (fur.def.).

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...