STRAGE DI ERBA: IN AULA TORNA IL BEFFARDO SORRISO DEI ROMANO

“Per me e’ inaccettabile quel sorriso beffardo”. Carlo Castagna non si trattiene ed esplode in tutta la sua rabbia a fronte del comportamento di Olindo Romano e Rosa Bazzi, nuovamente nella gabbia della Corte d’Assise di Como per il processo a loro carico per la strage di Erba. Udienza molto breve, come prevedibile, servita solo per prendere atto del nuovo rinvio obbligato in attesa che la Cassazione decida sui due ricorsi presentati dal collegio difensivo. In aula anche Azouz Marzouk che nel massacro dell’11 dicembre 2006 perse la moglie Raffaella Castagna, il figlioletto di due anni Youssuf e la suocera Paola Galli, moglie di Carlo Castagna. Il Presidente della Corte d’Assise, Alessandro Bianchi, ha fissato nuova udienza per il 25 giugno. Quel giorno gia’ si conoscera’ la decisione della Suprema Corte sul primo ricorso presentato dagli avvocati Enzo Pacia, Luisa Bordeaux e Fabio Schembri, quello sulla ‘legittima suspicione’ e con cui si chiede di trasferire il processo in altra sede perche’, ad avviso del pool difensivo, si sarebbe creato in clima di ostilita’ e di odio nei confronti degli imputati e un turbamento nel sereno giudizio dei giudici popolari e togati a causa dei programmi di approfondimento proposti nei mesi scorsi dall’emittente locale Espansione Tv. Si e’, invece, ancora in attesa che gli Ermellini di Piazza Cavour fissino udienza per il secondo ricorso, quello gia’ ‘bocciato’ dalla Corte d’Appello di Milano pochi giorni fa e con il quale si chiede la ricusazione dei giudici lariani: a detta della difesa l’aver deciso di proporrete al pubblico ascolto uno stralcio del file audio relativo al primissimo interrogatorio cui fu sottoposto Mario Frigerio, marito di Valeria Cherubini, una delle quattro vittime dell’eccidio di via Diaz, avrebbe in qualche modo anticipato un parere di colpevolezza. Anzi: addirittura, secondo i difensori dei coniugi Romano, con quella decisione la Corte d’Assise comasca avrebbe compiuto un “attentato alla giustizia ledendo la propria immagine e della giustizia in generale”. Stamani Carlo Castagna ha stretto la mano, piu’ per cortesia che per altro, al genero tunisino, fra l’altro in attesa di definire un patteggiamento per la sua vicenda che l’ha portato in carcere (ora e’ ai domiciliari a Lecco) per traffico e spaccio di droga. L’anziano commerciante e’ pero’ esploso in tutta la sua rabbia quando ha notato gli imputati sorridere beffardamente da dietro le sbarre, cosi’ come avevano fatto nelle primissime udienze sollevando l’indignazione di tutte le parti lese, oltre che del pubblico presente in aula.
“Non posso accettare che quei due, con i loro sorrisi, ci prendano per i fondelli tutti quanti”. Nel pronunciare queste parole, sul suo volto i segni evidenti di una lunga sofferenza senza fine. “Il loro comportamento e’ un’assoluta mancanza di rispetto nei confronti delle vittime e loro famiglie. Come e’ possibile che abbiano lo spirito cosi’ ‘allegro’ da potersi permettere un atteggiamento simile quando sulle loro teste pende l’ergastolo?”. Carlo Castagna ha definito “poveretti quei due” quando ha sottolineato che “piu’ che con loro, ce l’ho con i loro avvocati. Non per la loro opera difensiva. Ognuno sceglie quella che vuole, ma perche’ dovrebbero essere i primi a ‘invitare’ i loro assistiti a mantenere, almeno in aula, un comportamento rispettoso”. Infine sui tempi che inevitabilmente si stanno allungando quando all’inizio si pensava che gia’ in questi giorni avrebbe potuto esserci la sentenza di primo grado: “La Giustizia ci chiede questo ulteriore sacrificio.
Aspettiamo. Prima o poi arrivera’ l’inevitabile sentenza di condanna. Spero che per quel giorno abbiano finalmente capito il male che hanno fatto e continuano a fare con i loro sorrisetti”. (AGI) – Como, 28 maggio –

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...