dicembre 1, 2011

Turismo sessuale minori: agli italiani l’atroce record

Posted in turismo sessuale tagged , , , , , , , at 10:02 di wildgreta

Turismo sessuale minori: agli italiani l'atroce record

di Ilaria Cozzi

Si è conclusa l’11 novembre l’Assemblea di ECPAT International, l’organizzazione che dal 1990 combatte la prostituzione minorile.

Grazie a ECPAT si è potuto, nel corso degli anni, approfondire e comprendere meglio il fenomeno, in modo da poterlo contrastare nel miglior modo possibile.

Infatti si stima che il “fatturato” annuo del traffico di donne, uomini e bambini sia di 32 miliardi di dollari. In questo mercato i minori corrispondono al 22% delle persone messe in vendita.

Cifre confermate tragicamente dalle vittime identificate. Sono 21.400, secondo l’Ufficio delle nazioni Unite. Dal 2003 l’incidenza dei minori su questa atroce statistica è passato dal 15% al 22%.

L’età dei minori varia dai 14 ai 17. In contesti in cui vi sono forti stereotipi di genere si è riscontrato un traffico a fini di prostituzione anche di bambini tra gli 11 e 12 anni. Oltretutto, è in aumento anche il mercato di persone all’interno dei paesi stessi: in Centro e Sud America e in Africa il traffico interno sembra prevalere sul traffico internazionale.

Oggi il turismo sessuale con bambini è un problema globale. Il crescere del turismo di massa e dei voli low cost rendono alla portata di tutti viaggi verso mete esotiche e lontane dal proprio Paese. Internet facilita la conoscenza delle nuove mete e la condivisione di materiale pedopornografico. Si aggiunga, a tutto ciò, una specifica sui nostri connazionali, turisti del sesso con bambini. Negli ultimi anni hanno scalato pesantemente i primi posti di questa terribile “classifica” in Repubblica Dominicana, Colombia e Brasile. Se prima in alcuni Paesi eravamo fra le prime 4-5 nazionalità, oggi siamo i più presenti in Kenya.

Ma chi sono i turisti sessuali? I turisti sessuali a danno di minori possono essere sposati o single, maschi o femmine, stranieri o locali, ricchi o turisti con budget limitato. Possono avere un alto livello socio-economico o provenire da un ambiente svantaggiato. Anche se non ci sono particolari distinzioni nei modelli di comportamenti sociali o specifici manierismi, è possibile separare i turisti sessuali in tre distinte categorie: turisti sessuali occasionali (spesso in quel Paese per lavoro), la maggioranza; turisti abitudinari (acquistano residenze che abitano in alcuni periodi dell’anno) e, infine, pedofili. L’età del turista sessuale si è abbassata (tra i 20 e i 40 anni) e non corrisponde più esclusivamente al vecchio cliché del pedofilo classico. Leggi il seguito di questo post »

ottobre 4, 2008

Turisti pedofili in America Latina, il terzo mercato criminale con narco e armi

Posted in Cronaca, Pedofilia tagged , , , , , , , at 15:58 di wildgreta

Secondo il “Correio Braziliense” un bambino stuprato viene pagato poco più di un Euro

Gennaro Carotenuto
(03 ottobre 2008)

Sono italiani, soprattutto del Nord, ma anche nordeuropei di tutti i paesi, statunitensi e giapponesi. Ogni anno almeno tre milioni di persone rispettate e insospettabili a casa loro, partono da paesi ricchi per trasformarsi in mostri appena svoltano l’angolo. Approfittano della povertà e si sentono e quasi sempre sono impuniti. Secondo l’Organizzazione Mondiale del Turismo un turista su cinque al mondo cerca sesso a pagamento e un sesto di questi, tra quelli che arrivano in America latina o nei Caraibi, ha un obbiettivo preciso: stuprare un bambino.

Leggi il seguito di questo post »

giugno 13, 2008

TURISTI DEL SESSO SEMPRE PIU’ GIOVANI

Posted in Abusi sui minori, Cronaca tagged , , , , , at 11:36 di wildgreta

ROMA – E’ sempre più giovane – ha appena 20-30 anni – il turista italiano che ama andare nei paesi in via di sviluppo non per spirito di avventura o di conoscenza di nuove terre, ma per incontrare sessualmente un minorenne. Sono ottantamila gli italiani che ogni anno fanno questa deprorevole scelta. Qualche anno fa, la loro età media era ben più elevata, 30-40 anni, ma negli ultimi tempi si è notevolmente ridotta. Leggi il seguito di questo post »

febbraio 12, 2008

Pedofilia on line e turismo sessuale.Quattro arresti e 110 indagati in tutta Italia

Posted in Abusi sui minori, Cronaca, Pedofilia, Pedopornografia tagged , , , , , , at 08:42 di wildgreta

IL BLITZ DA SIRACUSA

Gli arrestati sono un funzionario di banca di Imperia, un operaio di Varese e un metalmeccanico di Brescia, tra le persone coinvolte ci sono anche insegnanti, sociologi e dirigenti di azienda

Siracusa, 12 febbraio 2008 –  Non solo scambio di video pedopornografici su Internet, ma anche turismo sessuale nell’inchiesta della Procura della Repubblica di Siracusa su un giro di pedofilia in tutta Italia. Nell’operazione denominata “Thai” sono state arrestate tre persone e eseguite perquisizioni a carico di 110 indagati. Gli arrestati sono un funzionario di banca di 62 anni di Imperia, un operaio di Varese e un metalmeccanico cinquantenne di Brescia.

Una persona è stata fermata dal Nit all’aeroporto di Fiumicino, appena sbarcata da un volo proveniente da Bangkok: è un docente universitario italiano di 55 anni al quale sono stati sequestrati video girati artigianalmente in Thailandia e di cui egli stesso è protagonista. Gli indagati, tra i quali figurano anche insegnanti, sociologi, dirigenti di azienda, sono residente in varie regioni: 16 in Sicilia, 12 in Campania, 11 in Lombardia, 12 in Toscana, 11 in Emilia Romagna, 9 in Veneto, 6 in Liguria, 5 in Friuli, 5 in Calabria, 4 nel Lazio, 4 in Piemonte, 4 in Abruzzo, 4 nelle Marche, 2 in Puglia, 2 in Sardegna, 2 in Basilicata, 1 in Trentino. I reati ipotizzati per tutti sono di divulgazione di materiale pedopornografico e associazione per delinquere.

L’indagine è stata condotta dal Nit, il Nucleo investigativo telematico istituito presso la Procura di Siracusa, e nel blitz sono stati impegnati oltre 500 uomini di carabinieri, polizia postale e guardia di finanza. L’attività investigativa, coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Toscano e dai sostituti Antonio Nicastro e Anna Trinchillo, ha preso spunto da una serie di denunce presentate dall’associazione Telefono Arcobaleno, presieduta da Giovanni Arena.

Gli inquirenti hanno acquisito numerosi video pedofili messi in rete dai 110 indagati. Alcune posizioni istruttorie erano già state valutate in precedenza e riguardano prevalentemente soggetti sospettati di produrre direttamente i materiali illegali e di essere introdotti nei circuiti del turismo sessuale. Questo particolare ha indotto gli investigatori ad anticipare i tempi di attuazione di alcune perquisizioni domiciliari, eseguite 2 alcuni giorni fa ma rese note soltanto oggi.

“Dall’esito di tale operazione -si legge in un comunicato- è scaturita l’esigenza di avviare in cooperazione internazionale parallele indagini in Thailandia, finalizzate a risalire all’identità dei bambini coinvolti e all’identificazione dei correi in quel Paese, ferma restando in ogni caso la competenza della magistratura italiana che in materia di pedofilia può procedere anche se il reato è commesso all’estero”. Intanto, gli investigatori si appresano a esaminare le memorie dei numerosi computer sequestrati durante le perquisizioni.

 Quotidiano.net 12 febbraio 2008

Strage Erba: “Processo finito il 26 di febbraio”. Ma la difesa annuncia battaglia

I testimoni:Olindo e Rosa erano paranoici

Erba. Carabinieri: fu Olindo il primo a crollare

STRAGE DI ERBA,”TERRORIZZAVANO RAFFAELLA”

Erba, i vicini di Rosa e Olindo: “Volevano comandare”

STRAGE ERBA/ CC TESTE: “ROMANO IN CARCERE CI DISSE SONO STATO IO”

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 737 follower