OMICIDIO PERUGIA: RUDY, DA BRAVO RAGAZZO A INFERNO DROGA

(AGI) – Perugia, 19 nov. – Conosciuto come piccolo spacciatore, Rudy Ermann, su cui pende un mandato di cattura internazionale per l’omicidio di Meredith Kercher, rivela caratteristiche singolari. Il recente passato in una famiglia benestante con tre figli (che lo aveva preso in affido 17enne, dopo che il ragazzo aveva avuto problemi con il padre legittimo, con cui era arrivato in Italia all’eta’ di 5 anni), la passione per lo sport (ha giocato nel ruolo di guardia nella squadra di pallacanestro Nuova Perugia, conducendo il campionato 2004-2005 in serie C1 e lasciando un buon ricordo in tutta la dirigenza e negli ex compagni), il lavoro in pub e pizzerie per mantenersi agli studi (aveva frequentato l’istituto alberghiero per circa un anno e mai completato l’istituto tecnico commerciale Vittorio Emanuele) ed il rifiuto di questi valori positivi per abbandonare la sua seconda casa, il lavoro come giardiniere che la nuova famiglia gli aveva dato nella sua impresa agrituristica per entrare nel buio universo della droga. Sembra che avesse lasciato l’Umbria durante l’estate, trasferendosi a Milano dove era finito nei guai sempre per colpa della droga, per rientrare a Perugia pochi giorni prima del delitto (abitava in un appartamento in corso Garibaldi dove anche Raffaele Sollecito ha il suo monolocale) e ritornare a Milano dopo la morte di Meredith (una pattuglia della polizia l’avrebbe sorpreso con in tasca una piccola quantita’ di stupefacente). Questo giovane, alto intorno ad un metro e ottanta, con la corporatura normale forse nell’Internet point che frequentava abitualmente aveva conosciuto Amanda o la stessa Meredith. Non e’ da escludersi che la polizia postale proceda ai controlli anche sui computer dello stesso Internet point per risalire agli accessi effettuati da Rudy se solo con Amanda o anche con Meredith, le quali dai loro computer potevano potenzialmente ‘colloquiare’ con tutti. (AGI)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 737 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: