Pulitzer alle inchieste sui diritti umani.

Nete:

Ecco a chi va il Premio Pulitzer nel mondo. Spero che Giuliano Ferrara, che ne aveva invocato l’assegnazione ai giornalisti Carlo Bonini e Claudio Cerasa per il loro “pregevole” lavoro fatto sul caso di pedofilia a Rignano Flaminio, lo legga. Capirà, fra un comizio deserto e un lancio di uova, a che tipo di giornalismo è riservato il premio Pulitzer.

di Rico Guillermo

Il prestigioso Premio Pulitzer 2008 per il giornalismo e’ stato conferito quest’anno per il giornalismo d’inchiesta che sollecita alla riflessione sui diritti umani o svela retroscena che non fanno sconti ai potenti e alle lobby. Fra i piu’ premiati il Washington Post, con ben sei riconoscimenti.

Il Premio SERVIZIO PUBBLICO, che viene assegnato ad “un illustre esempio di meritorio servizio pubblico da un giornale attraverso l’uso delle sue risorse giornalistiche”, dagli articoli ai fumetti, e’ stato conferito a Dana Priest, Anne Hull e al fotografo Michel du Cille del Washington Post, per il lavoro sui maltrattamenti ai veterani feriti nell’ospedale Walter Reed, che ha suscitato reazioni tali da chiedere riforme federali. Il riconoscimento per le BREAKING NEWS e’ stato invece assegnato allo staff dello stesso quotidiano per “la sua eccezionale, sfaccettata copertura della sparatoria mortale al Virginia Tech, raccontando le varie fasi della vicenda online”.

Il premio per il GIORNALISMO INVESTIGATIVO “Per un illustre esempio di inchiesta parte di un singolo o di un gruppo, presentato come un unico articolo o una collana, in stampa o su stampa e online” sono stati premiati ex aequo Walt Bogdanich e Jake Hooker del New York Times (per i loro racconti sugli ingredienti tossici delle medicine e di altri prodotti di uso quotidiano importati dalla Cina, giro in cui erano coinvolti funzionari americani e cinesi) e allo staff del Chicago Tribune per un’inchiesta sull’inadeguatezza del regolamento sui giocattoli, sui sedili auto e altri prodotti, che ha provocato un’azione congressuale per rafforzare la vigilanza.

Il premio per la miglior INCHIESTA ESPLICATIVA, assegnato “Per un illustre esempio di relazioni esplicative che illuminino un importante e complesso argomento, dimostrando padronanza della materia, scrittura lucida ed esposizione chiara” e’ stato conferito ad Amy Harmon, del New York Times, per “il suo sorprendente esame dei dilemmi e le questioni etiche che accompagnano la prova del DNA, utilizzando storie umane per affinare i suoi articoli”.

Il riconoscimento per il GIORNALISMO NAZIONALE e’ stato assegnato a Jo Becker e Barton Gellman, del Washington Post, per la loro lucida analisi sul vicepresidente Dick Cheney e la sua potente ma a volte dissimulata influenza sulla politica nazionale. Altri finalisti di questa categoria sono stati: il New York Times per la sua indagine sulle tecniche di interrogatorio della CIA, “che i critici condannato come tortura, mescolando il dibattito sul piano giuridico e morale ai limiti dell’azione americana contro il terrorismo” e Howard Witt, del Chicago Tribune, per il suo ampio esame delle complicate questioni razziali in America, dal tribunale alla scuola.

Per la sezione INCHIESTE INTERNAZIONALI e’ stato premiato Steve Fainaru, del Washington Post, “per la sua serie di articoli sulla sicurezza dei contractors privati che operano in Iraq, la maggior parte al di fuori delle leggi che regolano le forze americane”. Il premio per il miglior EDITORIALE non e’ stato assegnato, ma fra i finalisti c’erano Maureen Downey, dell’Atlanta Journal-Costituzione, per il suo interessante editoriale sulle dure pene che possono essere comminate ai minori per sesso consensuale in Georgia e la Gazzetta del Wisconsin “per la sua persistente, altamente ispirata campagna contro gli abusi del potere di veto da parte del governatore”.

Fra gli altri premi, quello per la fotografia BREAKING NEWS e’ stato assegnato ad Adrees Latif, di Reuters, per la sua drammatica fotografia del cameraman giapponese disteso sul marciapiede e ferito a morte nel corso di una manifestazione in strada in Myanmar.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 737 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: