BAMBINI “INDIFESI” DA TUTTI

di Wildgreta 

Una piccola notazione su quanto sta avvenendo sui media riguardo al caso Rignano. Ieri sera a Porta a Porta, stamattina a radio 24, ho assistito a dibattiti in cui quasi tutti gli ospiti erano coinvolti come periti o legali della difesa, in casi riguardanti gli abusi nelle scuole materne . Ovvero senza un contraddittorio. Il problema è che alcuni dei partecipanti non hanno assolutamente detto di far parte del collegio difensivo dei presunti abusanti, come mai? Avevano paura che le loro parole avrebbero avuto meno peso? Sarebbe come fare un dibattito sul conflitto di interessi invitando Berlusconi, Confalonieri e dell’Utri. Per ora non lo ha mai fatto nessuno, ma per gli abusi sui minori, si osa l’inosabile. Inoltre devo registrare il silenzio della stampa a proprosito della brutta figura incassata ieri con l’errore di lettura della sentenza della Cassazione che non ha mai detto (per bocca dello stesso giudice Carbone) di cercare i colpevoli fuori dalla scuola. Non solo, si persevera nell’errore, omettendo che la Cassazione ha ammesso l’esistenza degli abusi sessuali. A questo punto mi faccio una domanda: fino a che punto arrivano l’ignoranza e la superficialità e dove comincia la malafede di tutte queste persone? Stando a quanto ho sentito in queste ultime ore, dare il via ad un processo per abusi sessuali sui minori non sarebbe possibile, in quanto non ci sarebbe modo di determinare scientificamente se un bambino sia stato abusato o no, a meno che non abbia segni fisici gravi, inequivocabili, riscontrati immediatamente dopo l’abuso effettuato davanti a due o più testimoni dal passato limpido e la psiche integra. Tutto ciò in barba alla giurisprudenza, in barba alle tante sentenze della Cassazione che hanno stabilito esattamente il contrario, in barba all’evoluzione della psicologia e della psichiatria. Ho sentito dire che senza riscontri oggettivi non sarà possibile approdare a nulla e che le prove non ci sono perchè non sono stati trovati filmati nei computer degli indagati. Sarebbe come dire che per dimostrare che uno è un ladro, la refurtiva deve essere trovata a casa sua.
Tutte le assurdità che per gli altri reati sarebbero improponibili, per gli abusi sessuali sui minori sono leciti, anzi auspicabili, seguendo forse una delle teorie più atroci che abbia mai sentito in vita mia e proprio dal professor Bollea:  “I bambini che devono affrontare un incidente probatorio soffrono, quindi , meglio un pedofilo fuori che un bambino sottoposto ad una simile tortura”.
E ora, la testimonianza di un padre apparsa ieri su Il Messaggero di Roma 10 ottobre 2007    di FABIO MARRICCHI RIGNANO FLAMINIO -

Parla il padre di una bambina abusata, il giorno della sentenza della Cassazione: le fotocopie hanno già fatto il giro di Rignano, distribuite da chi si sente “innocentista”. E’ una ferita che si riapre per i genitori che hanno denunciato gli abusi. Per loro anzi, è una ferita mai rimarginata, una tortura: «Mia figlia? Sta ancora male. La sentenza della Cassazione? Non vorrei fosse enfatizzata, in realtà conferma tutto: che i bambini hanno subito violenza». Il genitore che raggiungiamo al telefono è il padre di uno dei bambini che verranno ascoltati nel prossimo incidente probatorio. «Chiaro che la difesa degli accusati faccia il suo gioco – dice – ma noi questo incubo lo viviamo sulla nostra pelle. Tutti i giorni. Ancora oggi mia figlia, che ha quattro anni, si alza dal letto come fosse in trance. Urla, spalanca gli occhi, grida “non mi toccare” guardando fisso il muro, grida “non voglio”, poi la prendiamo tra le braccia. Si calma, si sveglia. E per fortuna non si ricorda di quello che stava sognando. E’ così tutte le notti. E’ una voragine che per noi sembra non finire mai».Quando vi siete accorti che sua figlia poteva aver subito abusi?«Guardi, noi abbiamo portato nostra figlia alla Olga Rovere all’inizio dell’anno scolastico 2006. Poi, dopo il blitz del Ris dell’ottobre, siamo rimasti scettici su quello che si prefigurava dall’inchiesta di cui parlavano tutti i giornali. Poi abbiamo cominciato a collegare disegni curiosi e inquietanti che faceva la bambina con tutto quello che si diceva in giro, e vorrei sottolineare che si diceva già prima del blitz dei carabinieri. Molto prima. Diciamo che era un po’ come il segreto di Pulcinella. Allora abbiamo iniziato a sospettare. Abbiamo sottoposto nostra figlia ad una visita al Bambin Gesù. I medici ci hanno confermato quello a cui non avremmo mai voluto credere. E cioè che la bambina aveva subito violenze sessuali, e che queste violenze si erano verificate fuori casa».Lei ha parlato di disegni inquietanti. Che tipo di disegni?«Mia figlia ha sempre amato disegnare, sin da piccolissima, per cui abbiamo sempre prestato molta attenzione a quello che faceva. Ad un certo punto ha iniziato a disegnare croci capovolte, visi con occhi spalancati, organi sessuali. Una cosa inspiegabile per una bambina di quell’età».Sono soggetti che disegna ancora oggi?«Sì, e non solo. Mia figlia fa giochi con il fratellino: il gioco del cagnolino, del guinzaglio. Giochi in cui lei fa la parte dell’adulto. Simula atti sessuali. Sono cose che riguardano l’inchiesta in corso e che non posso rivelare nei particolari. Vi dico solo che in casa abbiamo serie difficoltà a lasciarla interagire con il fratellino».Sua figlia, nei suoi racconti, ha fatto riferimento a persone, ha fatto dei nomi precisi?«Purtroppo sì».Sono nomi di persone indagate?«Sì».Che cos’altro ha raccontato?«Che la portavano fuori da scuola, a volte in una specie di gabbia, dentro un macchina. Mia figlia parla di cancelli, di situazioni in cui veniva rinchiusa. Che portassero fuori i bambini è un fatto accertato. Io non voglio accusare nessuno, forse veniva portata fuori da gente estranea alla scuola stessa. Ma chiedo: perché mia figlia veniva portata fuori? E perché nessuna maestra mi ha avvertito? E soprattutto perché non mi ha detto nulla l’insegnante di mia figlia? C’eravamo trasferiti a Rignano perché ci avevano detto che c’era la scuola materna migliore del Lazio. Non conoscevo Rignano. Ma l’ultima volta che mia moglie ha cercato di portare a scuola la bambina mi ha chiamato al cellulare disperata ndicendo che la bambina non voleva entrare perché “c’era la tigre”».La tigre?E’ una paura che gli psicologi dell’ospedale hanno detto che la bambina associa ad una persona aggressiva. Qualcosa in quella scuola non andava. L’abbiamo tolta a dicembre dell’anno scorso. Sappiamo per certo che gli abusi sono continuati anche dopo il blitz dei carabinieri».Che idea s’è fatto dell’inchiesta?«Ripeto. Io non accuso nessuno. Ma se non si parla e non si è parlato di lucro, allora oltre alla pedofilia ci potrebbe essere qualcos’altro. Non vorrei parlare di sette. Ma abbiamo provato a portare mia figlia da un istituto di suore. Urlava, non è voluta entrare. Non può vedere gente con tonache o vestiti lunghi. E anche qui mi fermo, non posso rivelare particolari».Che cosa ha fatto e che cosa farà per sua figlia?«La prima cosa che ho fatto è denunciare tutto. Non è stata una cosa facile. Ma il giorno in cui mia figlia dovesse ricordare tutto e chiedermi “papà, tu che cosa hai fatto?”, io mi sento a posto, e credo che mia figlia apprezzerà quello che ho fatto per lei. La seconda cosa è portarla via il più presto possibile da qui. E curarla. Ora non possiamo farlo prima dell’incidente probatorio. Ma non è facile. Io sono un impiegato statale e vivo dello stipendio. Abbiamo provato a vendere la casa che con tanti sacrifici abbiamo comprato per starcene tranquilli, fuori Roma. Ma nessuno la vuole, nemmeno in affitto. Del resto chi verrebbe ad abitare qui, dopo quello che è successo?».
  

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 737 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: