novembre 30, 2007

Alberto Stasi: dopo le lacrime 50mila euro per un libro

Pubblicato in: Cronaca tagged , , , a 20:45 di wildgreta

Il manager Alessio Sundas assicura: “Gliel’ho proposto e accetterà”

 GARLASCO (30/11/2007) – Come in ogni telenovela che si rispetti, non potevano mancare i colpi di scena. Prima la “paparazzata” sui Navigli, con Alberto Stasi che si diverte amorevolmente con una biondina, un’altra Chiara, sua coetanea e figlia del sindaco di Tromello, nel Pavese, e finisce su tutti i settimanali di gossip, come se fosse un vip. Il libro
Ora l’ombra di un libro. Una sorta di “romanzo criminale” che dovrebbe ripercorrere le tappe del delitto di Garlasco, e la cui uscita sarebbe programmata per Natale. Un pacchetto, insomma, da mettere sotto l’albero, insieme agli altri doni. E che conterrebbe tutti i particolari inediti, tutto quello che non è stato ancora detto sull’omicidio di Chiara Poggi, la 26enne massacrata nella sua villetta la mattina del 13 agosto.
L’idea, brillante, arriva da Alessio Sundas, diventato famoso perché manager di Marco Ahmetovic, il rom che investì e uccise quattro ragazzi nell’Ascolano, ora diventato testimonial di una linea di abbigliamento. 
il progetto
«A Natale uscirà il libro “Anche io sono un essere umano” – assicura Sundas -Un libro scritto dallo stesso Ahmetovic durante gli arresti domiciliari, che andrà ad aggiungersi ad altri tre in progetto: quelli su Perugia, Cogne e naturalmente Garlasco. Ho stabilito dei contatti con gli avvocati di Stasi, facendo la mia offerta: 50mila euro. Adesso aspetto risposte, ma sono fiducioso. Presto, molto presto, leggerete delle cose assolutamente nuove e privatissime. Scritte proprio dai protagonisti dei fatti di nera, Garlasco in primis».
In realtà, quella di Sundas è una sorta di provocazione. Una scommessa. 

Stanco di vedere gli indagati e i condannati per aver commesso delitti atroci seduti comodamente sui salotti televisivi, Alessio chiede che «questi signori non siano più inviati in Tv».
E annuncia che non si fermerà. Fino a quando non ci sarà un’apposita legge che lo vieti. «Tempo fa il ministro Bersani – continua Sundas – con un’apposita legge ha proibito ai minori di intervenire in programmi televisivi dopo una certa ora. Adesso lo si potrebbe fare con gli indagati e i condannati. Fino alla sentenza della Cassazione che li scagiona completamente». 

Tornando a Garlasco, se Alberto Stasi, fidanzato della vittima e unico indagato per l’omicidio, accetterà l’invito, scriverà un’altra bella pagina di delitti che diventano show. Qui Milano 30 novembre 2007 S. Pirrotta

Altre notizie e Meredith in english on Wildgreta Social:

www.wildgreta.blogspot.com

 

MEREDITH/ “SIAMO INNOCENTI”, MA RIESAME CONFERMA CARCERE -

Pubblicato in: Cronaca tagged , , , a 20:39 di wildgreta

Confermate accuse contro Amanda e Raffaele, lei si commuove

postato document.write( strelapsed(’2007-11-30T19:55:00Z’) );2 ore fa da APCOM

Perugia, 30 nov. (Apcom) – Amanda Knox e Raffaele Sollecito restano in carcere. Il tribunale del riesame di Perugia ha deciso nel pomeriggio la conferma della custodia cautelare in carcere per i due indagati dell’omicidio di Meredith Kercher: i giudici hanno in questo modo respinto le richieste dei difensori e confermato l’impianto accusatorio.

I due ragazzi non si erano mai incontrati dal giorno dell’arresto: entrati in tribunale da un ingresso secondario per sfuggire ai numerosi giornalisti e telecamere che li aspettavano. Amanda, capelli raccolti, in tuta chiara, senza trucco, è entrata sorridente e ha rilasciato ai giudici una breve dichiarazione in inglese: “Sono innocente”, ha detto la giovane studentessa americana, aggiungendo che la notte del delitto lei, come ha riferito il suo avvocato Luciano Ghirga, “è sempre stata in casa di Raffaele”. Sembra inoltre che Amanda si sia commossa, dichiarando di essere “molto dispiaciuta per Patrick e l’intera situazione”. Anche Raffaele Sollecito, che indossava una tuta, appariva sereno.

“Sono molto soddisfatto della decisione” del Tribunale del riesame, ha sottolineato in serata il pubblico ministero Giuliano Minnini, titolare delle indagini, per il quale “sono state accolte le conclusioni dell’accusa”. Amanda e Raffaele resteranno quindi nel carcere di Capanne dove sono in custodia dal 6 novembre. Come ha precisato il pm, la durata della custodia cautelare dipende dallo sviluppo delle indagini. Nel dispositivo dell’ordinanza del Tribunale del riesame di Perugia (presidente Massimo Ricciarelli, giudici Cecilia Bellucci e Lidia Brutti) si legge che è stata confermata l’ordinanza di custodia cautelare disposta dal Gip.

“Per ora non facciamo alcuna dichiarazione, aspettiamo le motivazioni ufficiali”, ha dichiarato Delfo Berretti, uno degli avvocati del collegio difensivo di Raffaele Sollecito. Il deposito delle motivazioni dovrebbe avvenire nei prossimi giorni: “In genere vengono depositate dopo 4-5 giorni, ma questo è un caso complesso e potrebbero slittare”, ha spiegato il legale. Quando saranno conosciute le motivazioni ci sarà una dichiarazione ufficiale dell’avvocato Luca Maori, l’altro difensore di Sollecito; intanto è confermato che questi sarà interrogato dal pm il 6 dicembre. Amanda Knox sarà sentita il 12 dicembre e Patrick Lumumba Diya il 4.

Nel frattempo, è ancora attesa l’estradizione dalla Germania di Rudy Hermann Geide, anch’egli indagato per l’omicidio di Meredith: secondo uno dei suoi avvocati Walter Biscotti i giudici tedeschi decideranno lunedì prossimo, successivamente il giovane ivoriano sarà fatto rientrare in Italia e, ha aggiunto l’avvocato, “potrebbero esserci sorprese entro la fine della prossima settimana”.

Fratellini Gravina e Meredith in english on Wildgreta Social:www.wildgreta.blogspot.com

PERUGIA: IN INTERCETTAZIONE AMANDA DICE ALLA MADRE,QUELLA NOTTE ERO LA’

Pubblicato in: Cronaca tagged , , , a 20:36 di wildgreta

ore 20:58
Perugia, 30 nov. – (Adnkronos) – Un verbale, contenente un’intercettazione ambientale effettuata all’interno del carcere perugino di Capanne tra la studentessa statunitense Amanda Knox e la madre, e’ stato depositato oggi al tribunale del Riesame di Perugia. Durante la conversazione con la madre, in particolare, la ragazza, accusata dell’omicidio della sua coinquilina Meredith Kercher, pronuncerebbe la frase ”quella notte ero la”’.
(Anr/Pe/Adnkronos)

 Altre notizie e Meredith in english on Wildgreta Social:www.wildgreta.blogspot.com

OMICIDIO PERUGIA: AMANDA E RAFFAELE RESTANO IN CARCERE

Pubblicato in: Cronaca tagged , , a 16:38 di wildgreta

(AGI) – Perugia, 30 nov – Il tribunale del riesame di Perugia presieduto dal giudice Massimo Ricciarelli ha abbracciato in pieno il teorema accusatorio esposto dal PM Giuliano Mignini e respinto la richiesta di scarcerazione presentata dai difensori di Amanda Knox e Raffaele Sollecito (per l’americana gli avvocati Lucuano Ghirga e Carlo della Vedove e per il laureando barese Marco Brusco, Luca Maori e Tiziano Tedeschi). “Si respingono le motivazioni del ricorso – recita il dispositivo della sentenza. Per le motivazioni si dovra’ aspettare qualche giorno. Nonostante i due giovani avessero fornito dichiarazioni sulla loro innocenza e i collegi difensivi si fossero espressi con un cauto ottimismo e fiducia, i due ormai ex fidanzati resteranno nelle loro celle a Capanne. Il quadro indiziario a loro carico – ha ribadito il PM titolare dell’inchiesta e’ molto grave e sussiste il pericolo di fuga o di inquinamento delle prove. Quella sera del primo novembre e nella notte, per il magistrato, i due avrebbero avuto tempo di fare molte cose ed hanno lasciato comunque delle tracce, Raffaele un’impronta di scarpa rilevata vicino al cadavere di Meredith (i difensori sostengono che l’impronta non e’ compatibile con quelle del laureando barese) un computer a detta della polizia postale non correlato ad alcuna attivita’ umana (una perizia contraria e’ stata presentata dai suoi legali) e poi i flaconi di varechina nel suo appartamento usati per cancellare il materiale ematico.
  Di Amanda le tracce di Dna, oltre a quello di Meredith su un coltello da cucina (non e’ ancora chiaro se sia l’arma del delitto ed i legali della giovane hanno insitito per la non compatibilita’ con la ferita provocata sulla vittima), una macchia di sangue sul rubinetto del lavandino ed ancora Dna delle due coinquiline nel bidet. A sostegno della propria tesi, il PM Giuliano Mignini ha depositato in udienza materiale fotografico inerente alle stanze dell’appartamento di Via Sant’Antonio che evidenzia e dimostra come non sia stato effettuato alcun tentativo di furto. Un elemento che avvalerebbe, una volta di piu’ la tesi della messa in scena.
  (AGI)

altre notizie e Meredith in english su http://www.wildgreta.blogspot.com

Meredith, Amanda e Raffaele: ”Siamo innocenti”

Pubblicato in: Cronaca tagged , , , , a 15:04 di wildgreta

amanda-sollecito.jpg

I due ex fidanzati davanti al tribunale del riesame

42 min fa da APCOM

Perugia, 30 nov. (Apcom) – Amanda Knox e Raffaele Sollecito si sono dichiarati innocenti davanti a giudizi del tribunale del riesame di Perugia, che, entro stasera, dovrà decidere se scarcerarli o meno. I due, indagati per l’omicidio di Meredith Kercher, sono infatti in custodia cautelare nel carcere di Capanne dal 6 novembre. La decisione è attesa in serata. Amanda e Raffaele sono entrati questa mattina in tribunale da un ingresso secondario per sfuggire ai numerosi giornalisti e telecamere che li aspettavano. Numerosa infatti anche la presenza di corrispondenti e televisioni straniere, reporter da Seattle e da Londra, telecamere come la Cnn, Abc ed Nbf.

I due ormai ex fidanzati non si sono mai incontrati e in udienze separate, durante ciascuna circa due ore, hanno proclamato davanti ai giudizi la loro innocenza. Amanda, capelli raccolti, in tuta chiara, senza trucco, è entrata sorridente e ha rilasciato ai giudici una breve dichiarazione in inglese, ha spiegato il suo avvocato Luciano Ghirga. “Sono innocente”, ha detto la giovane studentessa americana, aggiungendo che la notte del delitto lei “è sempre stata in casa di Raffaele”. Amanda inoltre si è commossa dichiarando: “Mi dispiace molto per Patrick e l’intera situazione”. Gli avvocati della giovane americana si sono detti soddisfatti: “E’ stata una lunga discussione in contraddittorio. Un tribunale attento che conosceva bene le carte. Siamo contenti e fiduciosi perché abbiamo potuto esporre compiutamente il nostro punto di vista sugli indizi e sulla gravità”, ha dichiarato l’avvocato Ghirga.

Gli avvocati hanno infatti ribadito la loro linea difensiva: Amanda è innocente e non è stata in quella casa la sera del delitto. Poi è stata la volta di Raffaele Sollecito, mentre la Knox rientrava nel carcere di Capanne, il giovane studente barese veniva ascoltato dai giudici del Riesame, ai quali ha parlato per circa venticinque-trenta minuti: “Sono innocente”, ha ribadito anche il giovane pugliese. “E’ andata bene, adesso aspettiamo l’esito”, hanno detto Luca Maori e Marco Brusco, avvocati del giovane barese all’uscita del tribunale. “Raffaele ha risposto ad alcune domande”, ha aggiunto l’avvocato Brusco. Adesso Amanda e Raffaele, separati, aspettano nel carcere di Capanne la decisione del Tribunale del Riesame.

 

Fratellini Gravina e Meredith in english su:

www.wildgreta.blpgspot.com

Brescia: Scandagliato il pc di Don Marco. Esami sulle immagini pedofile

Pubblicato in: Pedofilia tagged , , , a 11:41 di wildgreta

Venerdì, 30 Novembre 2007

Scandalo in Curia.Nel computer sequestrato al vicerettore trovati file pornografici.
 
Il materiale sarebbe stato scaricato da internet. Proseguono gli accertamenti.
 
 
Adelaide Pierucci  EPOLIS
Si cerca sul pc di don Marco la verità sull’eventuale doppia vita del vicerettore del seminario vescovile di Brescia, arrestato martedì mattina in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di violenza sessuale aggravata e continuata ai danni di un ex alunno, all’epoca 14enne, e per detenzione di materiale pedopornografico. Gli inquirenti avrebbero trovato nel computer decine di immagini che riproducevano bambini svestiti e in alcuni casi in atteggiamenti inequivocabili con adulti. Immagini a quanto pare scaricate da internet. Sul computer a giorni, su disposizione del pm Simone Marcon, saranno avviati i primi accertamenti irripetibili in presenza del difensore di fiducia del sacerdote, l’avvocato Luigi Frattini. La disposizione degli arresti domiciliari in alternativa al carcere, a 36 ore dall’arresto, intanto è stata interpretata con sollievo nell’ambiente della Curia Vescovile.
E lo stesso vescovo Luciano Monari continua ad auspicare che «si chiarisca tutto al più presto». Don Marco, da parte sua, relegato agli arresti domiciliari in provincia, prega e respingere le accuse: [i]«Mi dà forza la fede – si è sfogato con pochi intimi -. Non provo risentimenti». Proprio come avrebbe
spiegato al gip Silvia Milesi – il giudice che ha firmato il suo arresto -mercoledì mattina durante l’interrogatorio di garanzia a Canton Mombello che si
concluse con l’adozione della misura degli arresti domiciliari.
A far scoppiare il caso – che ha portato il terremoto nella chiesa bresciana – sono stati i genitori di un ex alunno del «Maria Immacolata» che, trovandosi in difficoltà, aveva parlato dei presunti atti sessuali del suo insegnate. A luglio al religioso, 38 anni originario di Chiari, viene notificato l’avviso di garanzia e sequestrato il pc. Decine di seminaristi ed ex seminaristi vengono ascoltati in Questura e in Procura. Il caso denunciato, però, resta unico.

I dati: -         Foto hard con bimbi

Le immagini trovate sul pc del religioso però non riguarderebbero l’adolescente che avrebbe subito gli abusi sessuali. -        

  L’articolo 609 bis

Chiunque, con minaccia, violenza o mediante abuso di autorità, costringe taluno a compiere o subire atti sessuali rischia fino a 10 anni di galera.

   Fonte  Vivicentro   http://www.vivicentro.org/scandali-ecclesiastici-vp11742.html#p11742

Fratellini Gravina e Meredith in english su www.wildgreta.blogspot.com

La Curia sapeva tutto da luglio.Interrogati seminaristi e docenti

Pubblicato in: Pedofilia tagged , , a 07:50 di wildgreta

<<Se ci fosse stato anche un minimo sospetto il Vescovo avrebbe certamente preso misure cautelative>>Il retroscena. Già in estate alcuni studenti del Maria Immacolata erano stati sentiti dai magistrati
 

La Curia sapeva tutto da luglio
interrogati seminaristi e docenti

<<Non c’erano riscontri oggettivi,pensavamo che tutto sarebbe finito in una bolla di sapone>>La Curia sapeva. Da luglio. Da quando a don Marco Baresi era stato notificato un avviso di garanzia a seguito della denuncia di un 17enne per presunte molestie sessuali, avvenute tre anni prima. Durante le prime indagini erano stati interrogati alcuni seminaristi del Maria Annunziata così come un paio di docenti della struttura. Già a luglio era stato sequestrato il computer di don Baresi, recuperato nell’ufficio adiacente alla camera da letto del suo bilocale. Ma nulla di tutto questo era trapelato. E, soprattutto, nessuna decisione era stata presa sul vicerettore del seminario. Non una “sospensione” precauzionale, vista la gravità delle accuse; non un periodo di vacanza forzata o un suo spostamento. Fino a domenica, don Marco, ha continuato a rivestire il suo ruolo di vicerettore dei seminaristi liceali e a guidare gli incontri vocazionali per gli adolescenti.«Un avviso di garanzia non è una condanna» ribatte don Adriano Bianchi, direttore dell’ufficio diocesano per le comunicazioni sociali. «Non si può mettere sulla forca una persona per delle semplici illazioni, ne tanto meno rimuoverla da una posizione che si era guadagnata con la stima e il rispetto di tutti». Resta il fatto che, forse, qualche precauzione in più poteva essere presa.

«A luglio c’è stata la massima collaborazione con la magistratura. Tutte le persone che, al momento, i pubblici ministeri avevano chiesto di ascoltare sono state interrogate. Hanno perquisito gli alloggi e sequestrato quello che hanno ritenuto opportuno. Anche per questo non capisco come ora si possa parlare di inquinamento delle prove o di ostacoli alla giustizia. Cinque mesi fa non era emerso nulla – ripeto: nulla – che facesse prevedere un proseguio della cosa. Pensavamo che tutto si sarebbe risolto in una bolla di sapone. Se ci fosse stato anche un minimo sospetto il Vescovo avrebbe certamente preso misure diverse, cautelative per il seminario e per lo stesso don Baresi».

Voci parlano anche di una sorta di vuoto istituzionale che si sarebbe creato tra le dimissioni del vescovo Sanguineti e l’arrivo in città di monsignor Monari. Vuoto che avrebbe rallentato o reso più macchinose eventuali scelte.

«Si tratta solo di sciocchezze» taglia corto don Bianchi.
«La verità è quella che ho descritto».

In via Bollani, intanto, il clima pare quello di una giornata qualunque. Nessun clamore o inquietudine trapela dal seminario. E granitica è la fiducia che, in brevi battute strappate al volo, tutti manifestano a don Marco. Anzi, il clima – dicono – è sereno. Martedì sera si sono raccolti tutti in preghiera, «per don Marco», a cominciare dal rettore don Flavio Saleri. I visi – dopo la “botta” iniziale – paiono più distesi. Molti hanno anche chiesto di andare a trovare don Marco, per portargli la loro vicinanza e solidarietà. Ma, per ora, solo il cappellano di Canton Mombello ha fatto visita al sacerdote di Chari. Qualcuno racconta dell’instabilità emotiva del ragazzo che ora accusa il sacerdote: non cercava Gesù, ma solo se stesso, dicono. Tanto che aveva presto rinunciato al percorso da seminarista.

Fonte Il Brescia su www.vivcentro.org/index.php

Altre notizie, fratellini  Gravina e Meredith in english on Wildgreta Social:www.wildgreta.blogspot.com

Perugia, il giorno del Riesame.E intanto spunta il diario di Raffaele

Pubblicato in: Cronaca tagged , a 07:28 di wildgreta

In attesa della decisione del Tribunale del Riesame, che dovrà stabilire se Raffaele Sollecito e Amanda Knox, accusati dell’omicidio della studentessa Meredith Kercher, debbano restare in carcere, compare anche il diario di Raffaele. Intitolato “Appunti di viaggio”, contiene le lettere mai inviate al padre, alla sorella e agli amici ed è stato consegnato ai legali del giovane.

Il diario, un quaderno viola, è stato sequestrato per alcune ora dalla polizia penitenziaria che ne ha verificato il contenuto consegnando una relazione al pm Giuliano Mignini, il quale ne ha autorizzato la consegna ai legali che lo ritengono utile ai fini della difesa.

Nel frattempo è attesa la decisione del Riesame, che dovrebbe arrivare entro venerdì sera. In aula sia Amanda sia Raffaele dovrebbero parlare per ribadire la loro innocenza, lasciando agli avvocati le contestazioni tecniche all’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Claudia Matteini. Entrambi, comunque, si dicono fiduciosi.

“Da quando è in carcere Amanda ha sempre ripetuto di essere innocente e di voler parlare con i giudici”, racconta chi l’ha incontrata in questi ultimi giorni. Anche Raffaele attende “tranquillo e sereno” l’udienza, anche per spiegare il suo rapporto con Amanda. “Leggendo i giornali – spiega chi lo ha visto – ha capito che il suo rapporto con Amanda è stato distorto e gonfiato. E’ un punto, questo, che vuole chiarire”.

Le difese dei due fidanzati punteranno a smontare la tesi dell’accusa, ribattendo punto su punto le conclusioni alle quali sono arrivati la Procura e la polizia. Nella memoria presentata dagli avvocati di Amanda, oltre a ribadire l’assenza della ragazza dalla casa dove è avvenuto il delitto, si sostiene, tra l’altro, che le “confessioni” fatte in questura non sono utilizzabili perché verbalizzate in assenza di un avvocato.

La strategia di Sollecito mira invece a confutare le due “prove” dell’accusa: il coltello da cucina con il Dna di Meredith e Amanda sequestrato a casa sua e l’impronta insanguinata vicino al cadavere della studentessa inglese. Del primo i difensori sostengono che non sia quella l’arma del delitto, perché non compatibile con le ferite sul collo di Mez; l’impronta invece, secondo la difesa, potrebbe anche essere di Rudy Hermann Guede, l’ivoriano arrestato in Germania. Quanto alle parole nel memoriale di Amanda, in cui la ragazza dice di “non essere sicura se fosse presente anche Raffaele quella sera”, gli avvocati sottolineano che si tratta di una “ripicca” dovuta al fatto che il giovane barese l’aveva “scaricata di fronte ai poliziotti”.

Altre notizie e Meredith in english on Wildgreta Social:www.wildgreta.blogspot.com

“Il coltetto di Sollecito non è l’arma del delitto”La madre di Meredith: “Voglio giustizia”

Pubblicato in: Cronaca tagged , , , , , , a 07:25 di wildgreta

Fonte: Il Giorno

IL GIALLO DI PERUGIA

Le memorie difensive in vista del Tribunale del Riesame. Amanda: ‘In quella casa io non c’ero’. Il 6 dicembre l’interrogatorio di Sollecito

Perugia, 29 novembre 2007. – Il coltello da cucina sequestrato dagli inquirenti nella casa perugina di Raffaele Sollecito non è l’arma del delitto usata per uccideere Meredith Kercher. Lo sostengono i legali del giovane barese indagato con Amanda Knox, Rudy Herman Guede e Patrick Lumumba Diya, per l’omicidio della studentessa inglese, nella memoria difensiva presentata al tribunale del riesame di Perugia, che domani dovrà decidere la scarcerazione o meno di Raffaele Sollecito e della giovane americana.
Sul coltello da cucina, sequestrato nell’abitazione dell’indagato, la polizia scientifica ha rinvenuto, infatti, “generiche tracce di dna riconducibili, rispettivamente, ad Amanda Knox ed a Meredith Kercher”, si legge nella memoria. Ma, secondo i legali, questa non è l’arma del delitto. Dalla relazione del perito di parte, il professor Saverio Potenza, spiegano i legali nella memoria, “nessuna delle due campionature è stata sottoposta all’indagine preliminare per la ricerca del sangue umano e le analisi del dna effettuate hanno fornito prodotti di amplificazione estremamente deboli di intensità e notevolmente al di sotto del limite minimo consigliato dalle raccomandazioni del Gefi (Gruppo italiano patologi forensi).

La relazione tecnica del professor Potenza sottolinea, inoltre, che i risultati ottenuti hanno prodotto per la stessa campionatura amplificazioni difformi. “Tradotto in soldoni – concludono i legali – significa che la valenza probatoria di dette tracce è prossima allo zero”. Ma il punto fondamentale che fa escludere ai legali di Sollecito che il coltello da cucina sia l’arma del delitto è che “non è stata accertata alcuna compatibilità fra il coltello in questione e le ferite inferte alla vittima”, si legge nella memoria difensiva.
Nella consulenza tecnica di parte redatta dai professori Vinci e Dell’Erba, spiegano i legali, “si evidenzia in maniera chiara ed incontrovertibile la non-compatibilità tra le ferite inferte alla vittima ed il coltello in questione. In particolare, secondo i consulenti, presentando la lama una lunghezza di circa cm 17 e un’altezza di circa cm 4 il coltello (se realmente fosse stato utilizzato per commettere il delitto) avrebbe dovuto provocare ferite ben più rilevanti, con specifico interessamento delle strutture sottocutanee. A differenza di quanto riscontrato nell’autopsia, condotta dal medico legale dottor Luca Lalli, sottolineano i legali, che concludono: “Può pertanto affermarsi con ragionevole certezza che detto coltello non corrisponda all’arma del delitto”.

AMANDA ‘IO NON C’ERO’

Lei non c’era nella casa di via della Pergola mentre Meredith Kercher veniva uccisa. È questa la versione «ufficiale» di Amanda Knox, la studentessa americana accusata di aver partecipato al delitto della coinquilina ventunenne, per il quale sono in carcere anche Raffaele Sollecito e Rudy Hermann Guede. La ricostruzione di quelle tragiche ore è affidata alla memoria che i suoi avvocati, Luciano Ghirga e Carlo Della Vedova, hanno presentato ieri mattina in vista dell’udienza del tribunale del riesame, in programma domani. Una ricostruzione che contrasta con le affermazioni fatte dalla studentessa poche ore prima di esser arrestata, quando aveva raccontato d’aver sentito Mez urlare e di essersi «tappata le orecchie». Ma non è questa la verità, secondo i difensori della giovane americana. Anzi.

Nella loro memoria gli avvocati Ghirga e Della Vedova sollevano questioni giuridiche in merito all’utilizzabilità del verbale dell’interrogatorio nel quale la studentessa aveva sostenuto di essere presente in via della Pergola proprio durante l’uccisione di Meredith (versione che contraddiceva la prima, nella quale aveva sostenuto di non essere nell’appartamento). Quella testimonianza viene contestata dai difensori perché fornita dalla Knox in condizione di forte stress. Allora veniva tirato in ballo anche Patrick Diya Lumumba (da giorni fuori dal carcere per mancanza di gravi indizi): per Amanda il congolese era in camera con Mez quando lei l’aveva sentita urlare.

I legali rimettono in ballo poi «le prove» relative al coltello sequestrato in casa di Raffaele Sollecito: hanno allegato una consulenza tecnica sulle tracce di Dna trovate vicino al manico (quelle di Amanda) e sulla punta (quelle di Meredith). Secondo loro, le tracce della Knox possono essere legate alla sua presenza in casa del fidanzato, mentre il Dna di Meredith è stato ricavato da tracce organiche minime e, comunque, non di sangue; quindi, il codice genetico della ragazza inglese potrebbe essere finito sul coltello anche senza un contatto diretto con il corpo, ma portato dalla stessa Amanda, che viveva sia con Meredith che con Raffaele.

Intanto è stato fissato per il 6 dicembre l’interrogatorio di Sollecito, dopo che lo studente stesso aveva chiesto d’essere sentito dal pubblico ministero, Giuliano Mignini. Nell’istanza degli avvocati che lo difendono (Luca Maori, Marco Brusco e Tiziano Tedeschi) si legge che il giovane chiede di essere ascoltato «al fine di chiarire alcuni aspetti della vicenda».

Sembreno allungarsi anche i tempi per l’estradizione di Rudy Hermann Guede, l’ivoriano arrestato in Germania, anche lui accusato dell’omicidio di Meredith. Il magistrato di Coblenza, Karl Rudolf Winkler, ha dichiarato ieri di non aver «mai parlato pubblicamente di date». Per il rientro di Guede in Italia manca la traduzione (che sarebbe stata fatta finora solo a metà) di un documento italiano arrivato in Germania lunedì. Poi, la decisione potrà essere presa. Né è stata ancora accettata, per ora, la richiesta di visita in carcere da parte del padre di Guede.

E mentre l’arcivescovo di Perugia, Giuseppe Chiaretti, prende spunto dall’omicidio di Meredith per scrivere la lettera pastorale in occasione dell’Avvento sottolineando le evidenti «lacune della moralità comune», il gip Claudia Matteini ha confermato ieri, in via ufficiale, che non sarà necessario alcun nuovo esame sulla salma di Meredith. Secondo i periti, per rispondere ai quesiti posti dal giudice per le indagini preliminari nell’incidente probatorio sarà sufficiente esaminare la documentazione già prodotta e i campioni già prelevati. L’avvocato Francesco Maresca ne ha subito informato la famiglia Kercher, che aveva deciso di sospendere la sepoltura. Ora, finalmente, Meredith potrà riposare nella sua terra, vicino a chi l’ha amata e ora la piange. 

LA MADRE DI MEREDITH

Non sembra diminuire l’ interesse dei media internazionali per l’ omicidio di Meredith Kercher, la studentessa britannica uccisa a Perugia il 1 novembre scorso.

‘La madre della vittima: vogliamo giustizia per Meredith’. È quanto scrive il Daily Telegraph che dedica spazio allo sfogo della madre della ragazza uccisa: ‘La madre di Meredith Kercher ha pianto dopo la sentenza del giudice, il quale ha stabilito che non ci sarà un ulteriore esame sul corpo della ragazza e ha dato il via libera per i funerali. Arline Kercher – sottolinea il quotidiano britannico – aspettava questa decisione, ma sostiene che il suo principale desiderio è quello di fare giustizia: «Non ce la dovevano portare via».

Commentando la sentenza dalla sua casa di Coulsdon, la donna parla di «una buona notizia» che «dà un po’ di tregua alla famiglia. Ma a questo punto – aggiunge la madre della vittima – siamo ben lontani dalla fine, c’ è ancora tanta strada da fare. La nostra famiglia non potrà trovare pace fino a quando la persona che ha ucciso Meredith non sarà rinchiusa in prigione. È una piccola consolazione, ma noi vogliamo giustizia per Meredith. Noi non riusciamo ancora a credere a ciò che è successo. È ancora duro ed estremamente scioccantè».

 Altre notizie e Meredith in english on Wildgreta Social:

www.wildgreta.blogspot.com

Un solo assassino per Meredith”la nuova verità dei periti di Amanda

Pubblicato in: Cronaca tagged , , , , a 07:17 di wildgreta

La Repubblica

Oggi la studentessa americana vedrà Sollecito davanti al Riesame
E intanto i suoi legali e i consulenti della difesa disegnano lo scenario del delitto

dal nostro inviato MEO PONTE

 11.jpg

 

PERUGIA – Dopo ventiquattro giorni di separazione forzata oggi Amanda Knox e Raffaele Sollecito, la coppia accusata dell’omicidio di Meredith Kercher, si rincontreranno. Saranno uno di fronte all’altra in un’aula del tribunale di Perugia, davanti ai giudici del Riesame per l’appuntamento più importante dell’inchiesta sul delitto di via della Pergola 7.
Entrambi ripeteranno di essere innocenti. Amanda dirà che la sera del 1 novembre non era a casa di Meredith. Raffaele farà altrettanto. E per la prima volta i loro avvocati potranno confutare le tesi del pubblico ministero Giuliano Mignini che accusa loro, Patrick Lumumba e Rudi Hermann Guede di essere gli assassini della studentessa inglese.
In particolare l’avvocato Luciano Ghirga, il legale della giovane americana, che sinora aveva scelto il silenzio, potrà opporre alle accuse una diversa e ragionata ricostruzione dell’assassinio di Meredith Kercker. La difesa di Ghirga si sviluppa su due livelli. Il primo propriamente giuridico che vede la contestazione della confessione di Amanda, arrivata dopo tre verbali e una lunga notte in questura. Secondo Ghirga le ammissioni della giovane americana sarebbero arrivate dopo che Raffaele Sollecito aveva ceduto alla pressione dell’interrogatorio, rivelando: “Ho detto cazzate, mi sono fatto convincere da Amanda”.
Lo studente di Giovinazzo poi davanti al gip Matteini nell’udienza per la convalida del fermo aveva spiegato: “Il 5 novembre ho mentito, ero sotto pressione. Amanda non mi ha chiesto di dire nulla. Sono certo che quella notte era con me”. E i suoi legali, gli avvocati Luca Maori e Marco Brusco, nella memoria consegnata al Riesame aggiungono che le successive accuse di Amanda verso Raffaele sono una “ripicca” nei confronti del fidanzato “reo di averla scaricata dinanzi ai poliziotti”.
Non è poi possibile stabilire se sia coeva.

In più, per loro, il coltello non è compatibile con i bordi della ferita che potrebbe essere stata inferta con una lama in parte seghettata, forse un pugnale da sub.
I due anatomopatologi mettono in discussione le cause della morte di Meredith: è stata accoltellata ma sul suo corpo ci sono evidenti i segni di un’asfissia meccanica messa in atto da una sola persona. Per Torre e Patumi ad uccidere Meredith è stato un solo assassino e piuttosto robusto.

La difesa di Sollecito, a cui ieri è stato sequestrato un memoriale destinato ai giornali inglesi dal titolo “Appunti di un viaggio in carcere” (ad Amanda è stata presa una copia del memoriale scritto in questura), ribadisce dal canto suo che la Nike del giovane non è compatibile con l’impronta rivelata sulla scena del delitto e le analisi del computer fatte dalla polizia postale secondo cui quella sera non c’è tratta di attività interumana.

  Altre notizie e Meredith in english on Wildgreta Social:http://www.wildgreta.blogspot.com
Lo scontro tra accusa e difesa però si articolerà soprattutto sui riscontri scientifici. I consulenti medico-legali di Amanda Knox, il professor Carlo Torre e il dottor Walter Patumi, nella loro memoria smontano pezzo per pezzo il castello accusatorio del pm Giuliano Mignini. Partendo dalla “prova regina”, il dna di Meredith sul coltello trovato a casa di Raffaele Sollecito. Per Torre e Patumi che escludono l’equivalenza tra dna e sangue, mentre la traccia lasciata da Amanda sull’impugnatura è inequivocabile quella attribuita a Mez è troppo piccola per essere attendibile.

Pagina successiva

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 737 follower